Fiamme dal camino, brucia il tetto: mezza casa è inagibile

I proprietari per ora dovranno restare al pianoterra. Il fuoco è arrivato alle due stanze del piano superiore

SUZZARA. Un incendio causato dal surriscaldamento della canna fumaria ha distrutto parte del tetto di un’abitazione bifamiliare in via Francesco Rismondo 63, a Suzzara, rendendola parzialmente inagibile dato che sono state interessate due stanze al piano di sopra. Il fatto si è verificato intorno alle 13 di ieri, mentre i residenti stavano pranzando.

A dare l’allarme è stato un automobilista di passaggio che ha visto la colonna di fumo uscire dal tetto e ha suonato subito al campanello. Per fortuna non ci sono stati intossicati o feriti. Da un lato della casa abita Adone Grattini e dall'altro lato Gianfranco Brighenti.


Immediata la chiamata al 115 che ha fatto arrivare sul posto una squadra dei vigili del fuoco di Suzzara, un’autoscala dalla centrale di Mantova e una squadra di supporto dei vigili volontari di Luzzara (Reggio Emilia) dato che la casa è quasi al confine tra il territorio mantovano e quello reggiano.

A lato di via Rismondo si trova la linea ferroviaria Suzzara-Parma. I vigili del fuoco, grazie all'autoscala, sono saliti sul tetto ed hanno iniziato a movimentare tegole e strato isolante per cercare di spegnere l'incendio e relativi focolai. Un’operazione durata quasi tre ore. Sul posto è intervenuta anche una pattuglia dei carabinieri di Suzzara. Il tratto di strada occupato dai mezzi di soccorso è stato chiuso e transennato. Il trambusto di sirene ha inevitabilmente incuriosito alcuni abitanti del posto che si sono riversati in strada.

La causa dell’incendio è da addebitare al surriscaldamento o al malfunzionamento della canna fumaria, forse intasata dalla fuliggine accumulata nel tempo. La giornata di ieri è stata piuttosto fredda e addirittura le previsioni meteorologiche davano probabili precipitazioni nevose.

Questo ha fatto sì che la stufa sia stata alimentata con abbondante legna da ardere. Il forte calore ha intaccato il tetto in legno che ha preso fuoco subito accompagnato da un fumo acre e denso.

Per fortuna gli occupanti della casa non hanno fatto in tempo a respirare il fumo e sono usciti immediatamente in strada. I danni sono in via di quantificazione, ma sembrano ingenti anche perché sarà da rifare buona parte del tetto. I vigili del fuoco, stante la situazione, hanno dichiarato l’abitazione parzialmente inagibile.

I proprietari per il momento potranno restare al piano terra. Già da questa mattina le due famiglie si metteranno al lavoro per ripristinare la parte andata distrutta dal fuoco per rientrare il più presto possibile. 
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi