Un nuovo ufficio dedicato ai servizi sociali Arrivano 47mila euro

PONTI SUL MINCIO

Il Comune di Ponti sul Mincio annuncia la riconfigurazione degli uffici municipali, che sarà possibile grazie al contributo del Gal Garda e Colli Mantovani. L’ente territoriale dell’Alto Mantovano, infatti, rappresentato dall’Unione Castelli Morenici ha partecipato al bando “Creazione e potenziamento di servizi di utilità sociale, sanitaria e assistenziale, a favore della popolazione locale, nella fase di post emergenza da Covid-19” presentando un intervento che ha in primis l’obiettivo di creare uno spazio per gli assistenti sociali.


Attualmente il comune non dispone di un ufficio dedicato al servizio sociale - attivato in forma integrata e gestito dall’Unione - e ciò crea situazioni di disagio sia per l’utenza, sia per gli operatori che sono costretti ad alternarsi con i colleghi, aggravando inoltre le operazioni di sanificazione e pulizia giornaliera, vista la promiscuità dell’ufficio.

Il progetto candidato prevede in aggiunta una ridistribuzione complessiva degli spazi al fine di ricollocare quei servizi che hanno maggior contatto con il pubblico in una posizione più consona e in grado di limitare il più possibile la permanenza all’interno della sede municipale.

Per tale scopo è in programma anche la creazione di un secondo accesso che sfrutterà una porta già presente sul retro dell’edificio, che consentirà quindi di raggiungere direttamente i servizi posti al primo piano senza interferire con gli ambienti presenti al piano terra. In questo modo gli utenti che si recheranno in municipio eviteranno di incontrarsi nei corridoi e verranno canalizzati in modo migliore avendo la garanzia di un maggior distanziamento sociale, che si traduce in una prevenzione alla diffusione del Covid-19.

Tale beneficio si rifletterà pure sui dipendenti comunali di Ponti, che in seguito alla nuova ridistribuzione occuperanno postazioni più distanti tra loro. L’intervento comprenderà infine il recupero dell’attuale garage del municipio che ora risulta inutilizzato a causa di un danno strutturale, ma che andrà ad ospitare l’archivio. In seguito alla fase pandemica acuta dei mesi passati che ha provocato un sensibile aumento dell’afflusso di persone allo sportello dei servizi sociali, il Gal Garda e Colli Mantovani ha ritenuto che il progetto soddisfi un’esigenza prioritaria e rispondente a necessità future.

La domanda presentata dall’Unione Castelli Morenici è dunque stata ammessa a finanziamento e beneficerà di un contributo a fondo perduto di 47.489,58 euro che coprirà oltre il 50 per cento dell’importo complessivo delle opere, che ammonta a 67mila euro. Tale somma comprende anche l’acquisto di tre nuovi computer e delle attrezzature necessarie a rendere funzionali i nuovi spazi. Il progetto esecutivo verrà presentato entro aprile, e successivamente verranno appaltati i lavori. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA



La guida allo shopping del Gruppo Gedi