Contenuto riservato agli abbonati

Via alle vaccinazioni negli ospedali privati a Suzzara, Castiglione e Volta: dosi per 900

Il Montecchi: «Contiamo di finire in una decina di giorni». Nicchio: «Iniezioni anche al personale delle ambulanze» 

MANTOVA. Il piano vaccini in provincia di Mantova è partito anche per gli operatori della sanità privata. Al Montecchi di Suzzara lunedì sono state somministrate le prime 36 dosi. In totale i lavoratori da vaccinare sono 314 e finora non hanno aderito alla campagna in 54. L’ospedale fa sapere che al ritmo di 36 vaccinazioni al giorno, entro metà della prossima settimana sarà terminato il primo giro di somministrazione.



Il numero complessivo degli operatori sanitari all’ospedale di Suzzara è di circa 460. I rimanenti sono quelli che provengono da altre regioni, in prevalenza l’Emilia Romagna. Questi si si vaccineranno quindi nella Ausl di residenza.

«L'ospedale di Suzzara – sottolinea la dirigenza – sta confermando la vocazione di essere punto di riferimento per il sistema sanitario pubblico. Sta svolgendo un ruolo importante anche nella prevenzione del Covid-19 con circa 1.600-1.800 tamponi molecolari settimanali, con punte in passato anche di 3mila tamponi».

«Quelli molecolari, i più affidabili – specifica il direttore generale Paolo Tassinari – hanno una risposta al massimo in 24 ore. Una capacità produttiva e di processo dei tamponi di recente siamo riusciti ad incrementare grazie all'acquisto di un terzo amplificatore Rna. Inoltre – continua Tassinari – ancora in un’ottica di sussidiarietà e collaborazione, abbiamo messo a disposizione del territorio un nucleo Covid da diciotto posti letto, tutto occupato. E in base ad un accordo con l’Asst Mantova, abbiamo concesso anche tre sale operatorie ogni settimana per consentire di smaltire interventi chirurgici non in emergenza che altrimenti sarebbero stati rinviati del tempo».



Ritmi sostenuti per le vaccinazioni anche negli ospedali privati convenzionati che fanno capo al Gruppo Mantova Salus, dove, come già nelle Rsa dello stesso gruppo, il personale ha aderito quasi all'unanimità alla richiesta del presidente Guerrino Nicchio di vaccinarsi.

In tutto saranno circa 550 le vaccinazioni che saranno eseguite: «Entro sabato dovremmo finire l'ospedale Civile di Volta Mantovana ed entro domenica il San Pellegrino a Castiglione delle Stiviere – spiega Nicchio – mentre confermo che domani avremo portato a termine le vaccinazioni nelle nostre Rsa. Ho visto grande sensibilità nel personale, dopo aver toccato con mano le drammatiche situazioni di marzo ed aprile , periodo in cui le due strutture sanitarie hanno messo a disposizione dei pazienti Covid oltre il 60% dei posti letto. Molti medici e infermieri si sono fatti promotori della vaccinazione, anche condividendo sui profili social personali le foto dell'iniezione. I pochi che hanno rifiutato il vaccino l'hanno fatto solo a fronte di situazioni medico sanitarie di incompatibilità. C'è l'auspicio di lasciarsi alle spalle il prima possibile questa pandemia».

Tra ieri e oggi, inoltre, saranno vaccinati anche più di cento soccorritori delle ambulanze di Soccorso Azzurro, l’ente di pubblica assistenza che fa sempre parte del gruppo Mantova Salus.




 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi