Simona Zanotti muore 7 giorni dopo il padre

La figlia dell’industriale aveva 49 anni. Con i familiari nel 2007 creò un’azienda di apparecchiature medicali in Croazia

SUZZARA. A distanza di una settimana dalla scomparsa di Mario Zanotti, 89 anni, fondatore dell'omonima azienda nel 1962, oggi (15 gennaio) a mezzogiorno si è spenta dopo lunga malattia Simona Zanotti, 49 anni, figlia dell'industriale suzzarese. È il secondo lutto nella famiglia Zanotti che si aggiunge al tragico incidente avvenuto la sera del 8 gennaio scorso, alle porte di Reggiolo, nel quale ha perso la vita Antonio Fumarola, 52 dipendente della Zanotti- Daikin di Polesine di Pegognaga.

I funerali di Simona Zanotti si svolgeranno lunedì alle 9.30 partendo dalla camera ardente della rsa Boni2, dove è custodita la salma per le visite, per la chiesa Sacra Famiglia di viale Virgilio. Dopo la messa il carro funebre dell'agenzia Losi porterà la salma al cimitero di Mantova per la cremazione.


Simona, fino al 2006, ha lavorato nell'azienda di famiglia come responsabile commerciale. Insieme al padre e al fratello Raffaele ha costituito nel 2007, la ditta Zamar, che oggi ha sede a Vrsar in Croazia, produttrice di apparecchiature tecnologicamente avanzate per la medicina riabilitativa termo e crio-terapica, utilizzata sia da atleti e motociclisti ma che viene applicata per uso veterinario anche ai cavalli per il trattamento e recupero muscolare causato da traumi. Mario Zanotti, infatti, nel corso della sua attività, si è sempre distinto per la sua propensione a ideare e produrre sempre qualcosa di nuovo. Per questo, dopo l'esperienza della Zanotti spa, aveva deciso di esplorare un mercato nuovo come quello dei medicali in campo sanitario. E in questa avventura, rivelatasi nel tempo di grande successo, aveva voluto vicino i suoi due figli.

Simona Zanotti lascia nel dolore il marito Paolo Iemmi, la figlia Martina, il fratello Raffaele, parenti e tanti amici. Cordoglio alla famiglia, è stato espresso, a nome dell'amministrazione comunale, dal sindaco Ivan Ongari.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi