«L'inquilino moroso ha provato a investirmi». E scatta la querela

L'episodio è avvenuto sotto gli occhi di due agenti della polizia locale

BAGNOLO SAN VITO. Era stato convocato dalla Polizia locale per un sopralluogo nell’appartamento affittato ad un inquilino moroso. Ma quest’ultimo, sotto gli occhi di due agenti della Polizia locale, in uno scatto d’ira, ha cercato d’investire il proprietario. Il fatto è successo venerdì mattina. A raccontare l’accaduto la stessa asserita vittima.

«Mia madre aveva affittato nell’aprile del 2019 un appartamento di sua proprietà in via Roma a Bagnolo - spiega Antonio Baccarini -. Per alcuni mesi l’affittuario ha versato la pigione. Poi, basta. Mia madre, poi deceduta, aveva intentato una causa per sfratto. Nel luglio scorso intendevo vedere l’immobile, perché sono di fatto senza lavoro con la mia attività, ma l’affittuario si è rifiutato di fare entrare me e i carabinieri. Le condizioni dell’appartamento sono fortemente degradate in quanto sono state tagliate le forniture di gas e luce. Per questo ho avvertito il Comune».

L’amministrazione si è fatta parte attiva, cercando un appartamento e offrendo soluzioni almeno per lavarsi. Ma lui ha sempre rifiutato. Venerdì  Baccarini è stato convocato dal Comune per un sopralluogo con Polizia locale ed Ats. «Lui è uscito di casa e mi ha percosso con la stampella . Racconta il proprietario. Non contento, all’arrivo dei Vigili ha tentato d’investirmi con la sua Panda». Alla fine del sopralluogo è stato redatto un verbale, mentre Baccarini ha sporto una querela. Al momento gli sfratti sono congelati sino a fine giugno. Il Comune potrà valutare ulteriori misure in base al verbale sanitario.




© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi