Il palasport appena finito di Castel Goffredo sarà polo di vaccinazione

Proprio in questi giorni sono stati terminati gli ultimi interventi nel palasport che, nel febbraio del 2015, era crollato sotto il peso della neve

CASTEL GOFFREDO. Il Comune di Castel Goffredo candida il palazzetto dello sport come polo vaccinale anti-Covid. A darne annuncio è il sindaco Achille Prignaca secondo cui «non c'è modo migliore per riaprire questo impianto che farlo per un'occasione importante come la vaccinazione anti-Covid, un'azione rivolta al benessere di tutta la comunità».

In realtà la scelta dell'amministrazione è una notizia nella notizia perché proprio in questi giorni sono stati terminati gli ultimi interventi nel palasport che, nel febbraio del 2015, era crollato sotto il peso della neve. Una struttura che, al tempo dei fatti, aveva sette anni di vita (era stato aperto nel 2008): il crollo, che non ha avuto conseguenze per le persone, ha reso inagibile la struttura per sei anni. In questo lasso di tempo si è proceduto alla ricostruzione con fondi, fra gli altri, del Coni e dell'assicurazione, per una spesa di un milione e mezzo di euro. In questi ultimi mesi il terzo lotto dei lavori – quelli interni – si è ultimato e l'amministrazione puntava appunto a inaugurare la struttura fra gennaio e febbraio. «Questa candidatura – ricorda Prignaca – ora è sottoposta al giudizio dell'Ats. La nostra struttura, però, rispecchia tutti i parametri e cioè l'ampio parcheggio, l'area all'aperto, la possibilità di creare le tre zone necessarie per la pratica della vaccinazione e i servizi igienici».

Oltre a questa candidatura Prignaca lancia due appelli. «Il primo riguarda i medici che vogliono aiutarci in questa azione che non eguali nella storia italiana. Al momento abbiamo già la disponibilità di due medici, marito e moglie di Castel Goffredo, che ringrazio per la velocità con cui ci hanno fatto sapere di essere della partita. Il secondo appello riguarda i volontari che, in sinergia con la Protezione Civile, gestiranno l'afflusso di persone e agli spostamenti dentro il palazzetto. Al momento – conclude il sindaco – attendiamo il parere di Ats anche in relazione ai tempi per iniziare l’operazione».
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi