Incinta, aggredita al bar: finisce in ospedale

Una donna di 35 anni in stato di gravidanza è finita in ospedale stamattina (23 gennaio) dopo essere stata aggredita al bar Freccia di Revere. La scena dell’aggressione si è svolta davanti agli occhi della sua bambina, che ha soltanto un anno.

BORGO MANTOVANO (REVERE).  È stata sbattuta a terra con forza da un uomo con cui stava litigando al bar. Una donna di 35 anni in stato di gravidanza è finita in ospedale stamattina (23 gennaio) dopo essere stata aggredita al bar Freccia di Revere. La scena dell’aggressione si è svolta davanti agli occhi della sua bambina, che ha soltanto un anno.

Le condizioni della donna non sono gravi, ma in considerazione della gravidanza, i sanitari dell’ospedale di Pieve di Coriano la stanno sottoponendo ad approfonditi accertamenti per verificare che non ci siano stati danni al feto. Ai carabinieri di Borgo Mantovano che sono intervenuti la donna, di origine marocchina, ha dato indicazioni piuttosto scarne e confuse sull’identità dell’uomo, che comunque dovrebbe abitare nella zona.


Secondo il gestore del bar, dovrebbe trattarsi di un 65enne abituale frequentatore del locale. In queste ore i militari stanno svolgendo accertamenti per identificarlo e per capire con maggiore precisione come si sono svolti i fatti. Tutto è cominciato poco prima delle 10 di ieri mattina, quando la donna, accompagnata dalla bimba, è entrata al bar dove si trovava l’uomo, con cui parrebbe che avesse avuto una relazione in passato. La donna, secondo quello che hanno sentito le persone presenti al bar ieri mattina, voleva dei soldi: una richiesta sulla quale lui non era d’accordo.

Così è nata una discussione piuttosto accesa fino a quando, improvvisamente, l’uomo le ha dato uno spintone, facendola cadere a terra. Poi si è allontanato senza chiamare né aspettare i soccorsi. È stata lei stessa a chiamare l’ambulanza che l’ha trasportata all’ospedale di Pieve.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi