Contenuto riservato agli abbonati

Inchiesta sui farmaci letali, il primario di Montichiari arrestato: «Sono innocente»

Stamattina l'interrogatorio di garanzia del primario del pronto soccorso di Montichiari accusato di aver provocato al morte di due pazienti: "Nessun altro ha somministrato quei farmaci"

BRESCIA. La Procura di Brescia disporrà nuovi accertamenti dopo quanto riferito in oltre due ore di interrogatorio dal dottor Carlo Mosca, il primario facente funzione del pronto soccorso dell'ospedale di Montichiari arrestato con l'accusa di omicidio volontario perché avrebbe somministrato farmaci letali a pazienti affetti da Covid nel corso della prima ondata della pandemia. È quanto emerge dopo l'interrogatorio di garanzia al termine del quale i legali del medico hanno chiesto la revoca dei domiciliari.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Mantova, la pinsa alla conquista dell'Europa

La guida allo shopping del Gruppo Gedi