In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Il senso di Alda per fiori e piante: «È una vera arte»

Passione e lavoro da più di cinquant'anni: dalle serre al banco al mercato di Mantova, fino al negozio di San Benedetto Po. «Sono come una stilista, non si possono ripetere due collezioni uguali»

Barbara Rodella
1 minuto di lettura
SAN BENEDETTO PO. Una vita per i fiori. Così si può riassumere il percorso di Alda Zampolli, titolare del negozio in via Trieste a San Benedetto Po, che da più di 50 anni lavora a contatto con piante e fiori tra la serra prima e il negozio poi.
 
Il negozio è stato fortemente voluto proprio da Alda 41 anni fa e ora è il suo regno. «Mio marito Marino non voleva – racconta la donna – Avevamo già le serre e secondo lui ero già impegnata in quel settore. I clienti non volevano, però, solo piante ma anche fiori recisi. Dovevano quindi spostarsi da un altro fiorista. Era giusto offrire tutto ciò che chiedevano». 
 
Una scelta che si è dimostrata vincente: «Le serre, che sono arrivate a cinque con l’ampliamento, hanno una tradizione lunga generazioni, un’eredità di mio marito – prosegue – Risalgono agli anni della prima guerra mondiale».  Tante le piante che arrivavano dal Belgio ma anche dalla Costa d’Avorio come la sansevieria: «Inizialmente vendevamo solo al mercato a Mantova in un banco che Marino ha mantenuto per settant’anni in piazza Erbe e che ha lasciato lo scorso anno». Anche le serre ora sono vuote: «Le abbiamo tenute fino all’inizio del 2020 ma l’età ci ha imposto uno stop».
 
Il negozio, però, continua grazie alla passione di Alda che non ha mai smesso di studiare e aggiornarsi.
«Ho ereditato l’amore per i fiori da mia madre – dice – Ciò che amo di più in questo lavoro è la creatività. Sono come una stilista, non si possono ripetere due collezioni uguali. Amo realizzare creazioni abbinando colori, fiori e oggetti». Non è quindi un caso se l’attività si chiama “Arte e fiori”. La passione è dunque importante ma lo studio non è da meno. 
 
«Ho iniziato a seguire i corsi da giovanissima – racconta – e li seguo ancora oggi. In febbraio dovrei frequentare quello dedicato al prossimo Natale, vediamo se salta tutto a causa del Covid». Durante le feste e le ricorrenze il negozio cambia aspetto, ma è proprio nel periodo natalizio che Alda sfodera tutta la sua fantasia allestendo le diverse camere del negozio. «In tanti vengono per vedere che cosa progetto – spiega – da tutto il Mantovano ma anche da Cremona e Modena».
I commenti dei lettori