In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

A Ostiglia aiuti agli anziani e ai bisognosi grazie ai 21 volontari dell’Auser

Oltre 1.400 trasporti in luoghi di cura e centri diurni, per fare la spesa e in farmacia: qualcosa come quarantamila chilometri macinati sull’asfalto soltanto nel 2020

1 minuto di lettura

OSTIGLIA. Oltre 1.400 trasporti in luoghi di cura e centri diurni oppure per fare la spesa o in farmacia: qualcosa che, sommato, fa quarantamila chilometri macinati sull’asfalto solo nel 2020. Non sono solo numeri. Ci sono il lavoro, ma anche il rischio concreto (in tempi di pandemia) di ammalarsi e finire a propria volta all’ospedale. Dietro tutto questo c’è la dedizione di 21 volontari, tutti pensionati ultrasettantenni dell’Auser di Ostiglia, i quali, ogni giorno si mettono a disposizione della comunità.

Il Comune di Ostiglia ha fornito loro 5 mezzi, di cui due dotati per il trasporto in carrozzella. «I nostri soci sono 200 - spiega il presidente Sergio Rossi - Ad oggi siamo 21 volontari, tutti pensionati rimasti in pista, determinati ad aiutare e a non abbandonare le persone fragili che in tutti questi 18 anni di vita dell’associazione ci hanno affidato una parte delle loro vita. In fondo sono loro, con le loro storie di gioie e sofferenza, a darci la possibilità di continuare a credere che aiutare il prossimo è la cosa più bella che si possa fare».

Il trasporto protetto è sempre stata l’attività principale dei volontari Auser, che tuttora praticano sottoponendosi periodicamente ai tamponi. Ma c’è pure la presenza giornaliera di un volontario dalle 9 alle 12 nell’ufficio accanto ai Servizi sociali del Comune per ricevere le prenotazioni dei viaggi, organizzarli, distribuire i risultati degli esami di laboratorio, prenotare le visite ed in genere costituire un punto di riferimento per tutto il personale impegnato sui mezzi. E poi ci sono le raccolte fondi per le famiglie in difficoltà e la beneficenza.

Non potendo organizzare eventi, le disponibilità economiche nelle casse dell’Auser sono state devolute: mille euro al Comitato a sostegno dell’Ospedale di Pieve, 500 alla Croce Rossa di Ostiglia e 500 in buoni spesa alle famiglie bisognose.

I commenti dei lettori