Contenuto riservato agli abbonati

Tutti gli ex sindaci per l’addio a Sigurtà

Chiesa gremita e commozione per l’ultimo saluto. Volpi: «Un grazie collettivo per tutte le sue idee innovative»

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Una leggera pioggia velata dalla nebbia ha fatto da sfondo all'ultimo saluto ad Arturo Sigurtà, ex sindaco del paese che lunedì si è spento all'età di 93 anni. Ad attendere il feretro, in chiesa, c’erano gli ex sindaci Nerino Vanoni, Fabrizio Paganella, Alessandro Novellini, gli assessori dell'attuale giunta e il sindaco Enrico Volpi, molti volti della sua avventura amministrativa (assessori e consiglieri comunali), le forze di minoranza, e molti rappresentanti della politica, del mondo imprenditoriale e della cultura castiglionese. Le parole del Vangelo di Giovanni hanno salutato l'ex sindaco che, come ricordato dalla figlia Carla nel saluto finale, si era da tempo avvicinato alla fede con la stessa intensità con la quale ha sempre vissuto ogni suo impegno.

Castiglione, l'addio all'ex sindaco Sigurtà



«Dobbiamo rendere grazia per questa vita lunga e impegnata - ha ricordato nella sua omelia mons. Sarzi Sartori - e per aver avuto una persona che ha saputo dare così tanto alla sua famiglia e alla sua comunità».

Una comunità che saluta il suo ex sindaco con le parole di Enrico Volpi, attuale primo cittadino di Castiglione delle Stiviere. «Come sindaco e ancor più come cittadino sento il dovere di ringraziare l'ingegner Sigurtà. Quanti motivi abbiamo tutti per ringraziare quest'uomo per le idee innovative che ha saputo proporre e sviluppare, per le riflessioni che ha saputo stimolare, per gli ideali che ha saputo difendere. Soprattutto dobbiamo essere grati per l'esempio di costante presenza e di viva partecipazione che lo ha portato ad essere figura di riferimento assidua a tutti gli eventi culturali dell'ultimo decennio, garantendo un apporto mai scontato, con pacatezza e signorilità, ma immancabilmente pungente e originale. Senza dimenticare che ha sempre assicurato massima attenzione ad ogni interlocutore e soprattutto ai giovani».

Addio all'ex sindaco Sigurtà: il ricordo di Castiglione delle Stiviere

Proprio al suo amore per i giovani e per lo studio è stato dedicato l'ultimo saluto della figlia Carla. «Hai avuto attenzione e cura per i giovani, li hai sostenuti con borse di studio; hai avuto a cuore la scuola e, allo stesso tempo, eri orgoglioso del tuo lavoro e di quanto hai fatto. Dicevi sempre che ti sarebbe piaciuto tornare giovane per poter lavorare ancora. Voglio salutarti con la preghiera dei minatori, le persone che lavorano nelle gallerie, opere e progetti che hai sempre amato». Sulle parole della preghiera rivolta a Santa Barbara, protettrice dei minatori, Castiglione ha accompagnato l'ex sindaco al cimitero, nella tomba di famiglia.

Castiglione dice addio a Sigurtà: il ricordo dell'imprenditore Freddi






 

Video del giorno

Tra i fiumi e le Gole dell'Alcantara, il canyon siciliano che rischia di scomparire

La guida allo shopping del Gruppo Gedi