Guasto e fumo nero dal treno: i pendolari prendono il taxi

Ennesimo disagio per gli utenti della linea ferroviaria diretti a Viadana. I passeggeri costretti a chiamare un’auto per arrivare alla navetta a Brescello

VIADANA. Martedì mattina un treno della linea ferroviaria Parma-Suzzara si è fermato durante il tragitto a causa di un guasto. Nessuno dei viaggiatori, per fortuna, ha riportato problemi dal pun to di vista fisico, ma i disagi sono stati inevitabili. Il treno partito alle 6.29 da Parma, già dopo pochi chilometri, all’altezza di Chiozzola, ha cominciato ad andare a strappi, sino a bloccarsi del tutto. Nel frattempo, volute di fumo nero sono penetrate nei vagoni ormai fermi. 

Da chiarire le cause. Il contrattempo ha impedito naturalmente la prosecuzione della corsa. Il convoglio è stato trascinato sino alla stazione di Sorbolo; qui la maggior parte dei passeggeri – buona parte dei quali diretti a Viadana – ha atteso il passaggio del treno successivo (quello delle 7.46), che ha peraltro fatto segnare un ritardo di alcuni minuti. Altri pendolari tuttavia, essendo nella necessità di arrivare a destinazione entro un determinato orario, si sono visti costretti a chiamare un taxi per farsi accompagnare sino a Brescello (da dove parte la navetta per Viadana). L’inconveniente riporta al centro dell’attenzione la situazione della linea ferroviaria: «I treni della Parma-Suzzara – dicono gli utenti – hanno decenni di servizio alle spalle, al punto che pare che certi pezzi di ricambio non esistano più». 
 
Si tratta di vecchi motori diesel: questa la causa del denso fumo nero sprigionato ieri. Nei giorni scorsi, peraltro, il consiglio regionale dell’Emilia-Romagna – su proposta di Andrea Costa, ex sindaco di Luzzara (Re) – ha approvato all’unanimità lo stanziamento di 28 milioni di euro per l’elettrificazione della linea.

 

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

La guida allo shopping del Gruppo Gedi