Contenuto riservato agli abbonati

A Mantova riapre il polo anti-sterilità: esultano duecento coppie

È rimasto chiuso sette mesi per far spazio ai letti delle gravide colpite da Covid. L’attività riprenderà il primo marzo dopo i lavori di adeguamento in Ostetricia 

MANTOVA. Sette mesi di chiusura e duecento coppie in attesa di sapere quando avrebbero potuto iniziare la terapia per realizzare il loro grande sogno: diventare genitori. Il centro di procreazione medicalmente assistita del Carlo Poma è il reparto che al tempo del Covid ha pagato il prezzo più alto in termini di stop all’attività.

Chiuso da marzo a luglio 2020 era stato riaperto a metà estate e poi stoppato nuovamente a fine novembre.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

La top model Gisele Bündchen salva una tartaruga marina intrappolata in una rete e la libera in mare

La guida allo shopping del Gruppo Gedi