Asola: all'istituto Falcone 7 classi e 150 studenti nelle nuove aule anti Covid

Un edificio moderno e tecnologicamente avanzato che aprirà i battenti mercoledì, con tutte le lezioni in presenza

ASOLA. Suonerà mercoledì la prima campanella per il corso di studio delle Scienze Umane dell'Istituto Superiore Giovani Falcone, in tutto sette classi per quasi 150 ragazzi e ragazze, che si trasferirà nelle nuove aule di strada Provinciale per Mantova. In realtà, come documenta in anteprima la Gazzetta grazie alla disponibilità del dirigente Giordano Pachera e del suo personale, non si tratta solo di sette aule, ma di una vera e propria nuova sede del Giovanni Falcone; una nuova scuola che, al momento, è l'edificio più moderno e tecnologico presente sul territorio dell'Alto Mantovano. Oltre alle sette aule ci sono spazi comuni, spazi per gli insegnanti e per il personale non docente, bagni grandi, sedie e banchi nuovi, cablaggio per rete digitale e wi-fi, lavagne touch e un grande e ampio corridoio.

Asola: all'istituto Falcone 7 classi e 150 studenti nelle nuove aule anti Covid



«Una scuola moderna capace di ospitare in massima sicurezza i nostri alunni e le nostre alunne - spiega il preside Pachera mentre mostra le aule - perché ogni classe è circa 55 metri quadrati, il che vuol dire che può ospitare 25 studenti con due metri di distanza garantiti. Ecco perché le sette classi che verranno qui partiranno tutte in presenza. Abbiamo scelto le Scienze Umane perché non necessita di laboratori che restano tutti nella sede centrale. La prima campanella suonerà mercoledì, al rientro dalla pausa del Carnevale».

L'ingresso alla nuova scuola è accanto alle attività di ristorazione già presenti, «ma appena sarà possibile asfaltare la parte dietro - in aprile a causa delle temperature - si potrà salire anche da quella zona, dove ricaveremo parcheggi ed eventuale area per la ricreazione. Non solo, siamo già in grado di garantire la fermata, nel piazzale, per le linee che arrivano da Mantova. Dopo la rotonda, i mezzi entreranno nel parcheggio e qui si fermeranno per far scendere o salire i ragazzi e le ragazze, per poi proseguire. » Sul fronte tecnologico, «la scuola ha tutto di nuovo, dai banchi alle lavagne touch, compreso l'impianto di riscaldamento e di refrigerazione che ogni ora sanifica e purifica l'aria. Non ultimo, gli ambienti sono silenziosi e, a breve, verranno abbelliti, alle pareti, grazie ai ragazzi e alle ragazze del corso di studi grafici». Il Falcone cresce e diventa sempre più punto di riferimento del territorio.

«Siamo soddisfatti di quanto fatto come Provincia - spiega la consigliera delegata Francesca Zaltieri - perché abbiamo raggiunto un obiettivo importante, e cioè ampliare la scuola, mettere in sicurezza la nostra popolazione scolastica e fornire nuovi spazi all'avanguardia agli studenti. A breve sarà terminata la palestra e stiamo chiudendo anche la convenzione per il centro sportivo, dove ci sono strutture nuove che saranno utilizzate dai ragazzi. Per quanto riguarda i costi, la Provincia pagherà per i prossimi 6 anni (ai quali se ne aggiungono 2 opzionali) l'affitto al privato che ha investito ed eseguito i lavori di sistemazione di questa nuova scuola.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Halloween a tavola: afrodisiaca e antispreco, cosa c'è da sapere sulla zucca

La guida allo shopping del Gruppo Gedi