Raffica di ordinanze post-sisma della Regione: sono in arrivo quasi otto milioni

Già versati nelle casse della Provincia i 5,2 milioni per il ponte di San Benedetto. Finanziamenti anche a Poggio, Borgocarbonara, Bagnolo e consorzi di bonifica

MANTOVA.Una raffica di ordinanze. Sette interventi che la Regione ha finanziato nel giro degli ultimi giorni stanziando una cifra che si avvicina agli otto milioni. Fondi che serviranno per il ripristino dei danni del terremoto di maggio-giugno del 2012, quasi nove anni fa.

L’importo maggiore va al ponte di San Benedetto Po. Come anticipato, la Regione ha stanziato 5 milioni e 251mila euro dopo una perizia asseverata che riscontrava la presenza di danni aggiuntivi causati dalle scosse sismiche e non evidenziati in prima battuta. L’assegno è stato firmato venerdì scorso e l’indennizzo previsto è già stato versato nelle casse provinciali. L’ordinanza firmata dal presidente Attilio Fontana vincola l’utilizzo dei nuovi fondi aggiuntivi «al completamento degli interventi di ricostruzione antisismica in atto sul ponte stesso». Si tratta della riqualificazione da 33,8 milioni di euro che la Provincia ha affidato alla Toto costruzioni nel 2006 e che mira al rifacimento della parte in alveo. Per il rifacimento antisismico della parte in golena, del costo iniziale di 10mila euro, se l’appalto sarà affidato alla Toto vi sarà uno sgravio di 2 milioni mentre altri 2,4 sono già stati reperiti dalla Provincia. Con il finanziamento di 5,2 milioni regionali, si tratterà di reperire circa 400mila euro. Va ricordato che i sindaci del cratere sismico hanno già dichiarato prioritari i lavori per il ponte, autorizzando a stralciare eventuali ricostruzioni pubbliche, se mancheranno i fondi.


Per quanto riguarda le altre sei ordinanze, un milione e 47mila euro andrà per il completamento della trasformazione della casa-magazzino di San Benedetto Po a sede comunale della Protezione civile; 730mila saranno invece il cofinanziamento al 70% dei danni ad acquedotto e fogne di via Alighieri, Trento Trieste e piazzale Gramsci a Poggio Rusco.

A Borgocarbonara andranno 235mila euro per la riparazione del cimitero di Borgofranco sul Po ed altri 153.500 per il complesso cimiteriale di Bonizzo. Quasi 57mila euro saranno aggiunti per una la messa in sicurezza dell’oratorio Santa Margherita a Campione di Bagnolo, come emerso da una perizia di variante sulle travi di copertura del tetto.

Infine 193mila euro saranno messi a disposizione del consorzio di bonifica Terre dei Gonzaga per il consolidamento statico del ponte Malpasso, fra Schivenoglia e Quingentole.



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi