In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Mantova, dall’area pedonale al terminal bici: il progetto per la stazione si amplia

Nuovo accordo tra Comune e Ferrovie. Palazzi: «Riqualifichiamo tutta la piazza, lavori entro l’estate»

Monica Viviani
1 minuto di lettura

MANTOVA. Non solo sottopasso pedonale: a pochi mesi dall’avvio dei lavori, il progetto stazione si amplia sino a inglobare l’intera piazza con interventi che, senza togliere auto e bus, la renderanno ciclabile e pedonale al contempo. «A breve, entro l’estate, partiranno i lavori di un’opera che la città chiedeva da decenni. Oltre a realizzare il sottopasso si riqualifica l’intera area della stazione»: ad annunciarlo è il sindaco Mattia Palazzi all’indomani della delibera con cui la giunta ha approvato un’appendice alla convenzione siglata da Comune e Ferrovie (Rfi) nel luglio 2019 prevedendo opere in più per 900mila euro, di cui 250mila a carico di via Roma (cifra già finanziata e prevista nel bilancio) e 650mila di Rfi. «Il rapporto e la credibilità che abbiamo costruito in questi anni con Rfi – aggiunge il sindaco – partendo da zero, è e sarà strategico per la città, tanto dal punto di vista urbanistico che economico».

Insomma, conferma anche il vicesindaco e assessore al demanio Giovanni Buvoli «prende forma un progetto importante di riqualificazione di tutta l’area della stazione». Cinque i nuovi interventi previsti: prolungamento verso via Pitentino della ciclabile che corre lungo il lato della stazione; realizzazione sul lato opposto di un nuovo percorso ciclopedonale senza soluzione di continuità tra via Bettinelli e via Bonomi; pedonalizzazione di un tratto di piazza don Leoni; spostamento del terminal bus (lato stazione) più a sud verso via Pitentino, per fare posto alla nuova ciclabile; nuovo terminal per la sosta delle biciclette vicino all’ingresso di via Solferino.

Interventi che mirano a garantire «da un lato la piena continuità tra il comparto stazione – si legge nell’aggiunta alla convenzione – e il centro città e dall’altro a favorirne la fruizione da parte dell’utenza debole» e senza i quali «si vanificherebbe in parte lo scopo per il quale il sottopasso di collegamento e il riordino degli spazi esterni alla stazione vengono realizzati». Interventi che vanno ad aggiungersi al sottopasso pedonale e al recupero delle aree esterne del cosiddetto fabbricato viaggiatori ampliando il perimetro della riqualificazione che a questo punto si estenderà dall’incrocio con via Bettinelli a quello con via Bonomi e via Solferino «in continuità – si spiega ancora – con il progetto di riqualificazione urbana già ultimata lungo corso Vittorio Emanuele».

Se il progetto originario prevedeva una spesa complessiva di 2,2 milioni, di cui 1,7 a carico di Rfi e 500mila euro stanziati da via Roma, con queste aggiunte si passa a 3,1 milioni con un impegno delle Ferrovie per 2 milioni e 350mila euro e del Comune per 750mila euro.


 

I commenti dei lettori