Cadaveri e papere: Elodie regina di Sanremo. E su Bugo aveva ragione Morgan

La seconda serata dominata dalla ragazza di Quartaccio. Nella classifica provvisoria in testa Ermal Meta, seconda Annalisa e terzo Irama: poteva andare un po' peggio ma anche molto meglio. Gio Evan è la versione del Lidl di Caparezza

Siamo carichi per questa seconda serata, tutti insieme a tifare Orietta Berti, la risposta italiana a Lady Gaga. Niente, Fiorello c'è pure stasera e a giudicare dall'entusiasmo con cui urla senza motivo sembra avere pessime intenzioni.

Il primo giovane in gara, che sostiene di chiamarsi Wrongonyou, è abbastanza anonimo. La seconda concorrente, Greta Zuccoli, uguale, però almeno si è messa le lucine di Natale al posto del vestito che fanno tanta allegria. Ma la canzone è una lagna piagnucolosa che se la sente la Bertè la prende a sberle.  Terzo giovane in gara Davide Shorty che vuole fare quello simpatico con i capelli strambi ma ha 32 anni e forse Davide sarebbe ora di crescere e di sistemarti e trovarti una brava ragazza. Sono entrati due tizi gemelli, i Dallai, che a confronto sono gli 883 erano i Beatles. Dopo un'estenuante attesa, carica di tensione, una roba guarda che non hai idea, apprendiamo che passano alla semifinale Wrongonyou e Davide Shorty. Ce ne faremo una ragione.

La Rai anticipa l'8 marzo: dieci ragazze da poco minorenni mostrano le chiappe mentre quei maschioni di Fiorello e Amadeus "cantano". Bello, no?

Prima big in gara Orietta Berti, l'unica concorrente vaccinata, per motivi anagrafici. La fanno cantare subito perché lei di solito alle 21.40 sono già almeno due ore che è sotto le coperte.

Bugo sul palco. E Morgan da qualche parte nel mondo, su un divano segnato dal tempo, sotto effetto di chissà quale sostanza a ridere di gusto ad ogni stonatura del suo nemico.

Ecco la super ospite Laura Pausini. Mi sembra di aver capito che ha vinto un Golden Globe, almeno così ha ripetuto Amadeus 14 volte nell'ultimo minuto e mezzo. Lei, che si fida fino ad un certo punto del protocollo anti-Covid del Festival, si presenta con i guanti.

Svolta giovane della serata: prima Gaia e poi Stato Sociale. Allegria immotivata. Ma per ricordarci che i giovani possono essere anche tristi arrivano quelle sagome del Volo per il tributo a Morricone.

Al posto del pubblico hanno messo dei palloncini sulle poltrone. Uno è a forma di pene. Fiorello, che è un mattacchione, lo fa notare e poi cita a sproposito una battuta di Proietti che per fortuna lassù avrà di meglio da fare che guardare Fiorello.

Malika Ayane bionda platino e con addosso una graziosa zanzariera, ci ricorda che alle cantanti brave non è vietato andare a Sanremo. Grazie.

E' stato vittima di un complotto, lo hanno squalificato per doping anche se era pulito ecc ecc: Alex Schwazer racconta il suo dramma. E lo fa con un leggerissimo accento di Vipiteno. Dice che presto sua figlia potrà vederlo gareggiare. Ma a sua figlia della marcia, secondo me, non gliene frega niente.

Momento revival con Gigliola Cinquetti, Fausto Leali e Marcella Bella. Così, giusto per allungare un po' il brodo e tirare almeno l'una e mezza pure stasera. Leali con l'età si è trasformato in  - non saprei come altro dire - una vecchia. Di quelle che vanno al mercato a comprare le lenzuola.

Comunque la regina della serata è Elodie, la risposta de Roma a Beyoncé. Brava e bella. Poi arriva quel momento della serata in cui Achille Lauro fa il pagliaccio vestito da donna e tutti sui social scrivono "Geniale".

Qualche simpaticone deve aver disattivato l'autotune a tale Random che è salito sul palco a tirare quattro urlacci che nemmeno alla Festa d'li Fujadi di Villanova de Bellis.

L'una di notte si avvicina e noi qui sentire "Trottolino amoroso" cantata da Fiorello. Dove abbiamo sbagliato?
Ospitata per la Girelli, bomber della nazionale, che fa tutto un discorso sull'emancipazione del calcio femminile e sul fatto che ha la stessa dignità di quello maschile. Amadeus le chiede: "TI ISPIRI A QUALCHE MASCHIETTO?". Perfetto.

Gio Evan è la versione del Lidl di Caparezza.

Monologo di Elodie che poi canta Mina. Elodie dominatrice totale della serata. Chapeau.

Classificone provissorio dopo le prime due serate: è in testa Ermal Meta, seconda Annalisa e terzo Irama. Poteva andare un po' peggio ma anche molto meglio.



 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi