Un progetto da mezzo milione per recuperare il Parco Arena

Il sindaco Nicola Cavatorta inoltrerà una domanda di contributo alla Regione. L’intervento si focalizzerà sull’Arena Spettacoli e sul parco Bade-Powell 

VIADANA. La giunta comunale ha approvato uno studio di fattibilità tecnica ed economica per la rigenerazione del parco Arena. Il progetto, redatto internamente dall’ufficio tecnico municipale, quantifica un intervento da complessivi 500mila euro.

Il sindaco Nicola Cavatorta inoltrerà una domanda di contributo a Regione Lombardia, nell’ambito di un bando finalizzato a sostenere i processi di rigenerazione urbana. Se il Pirellone darà l’ok, dalla Regione dovrebbe arrivare una somma pari a quasi l’80 per cento delle spese ammesse: il Comune si impegnerà direttamente, pertanto, per circa 108mila euro. Nel caso invece la graduatoria del bando non premi Viadana, l’opera verrà rinviata a tempi migliori. L’intervento si focalizzerà sul recupero dell’Arena Spettacoli e del parco Bade-Powell. Le aree in questione si trovano all’inizio di via Al Ponte, prima dei campi sportivi. Il parco verde è aperto e fruibile dai cittadini, ma risulta trascurato e ha perso un po’ di smalto.


L’Arena Spettacoli è invece ormai da tempo in stato di abbandono: viene ancora utilizzato lo Zanzibar, struttura autonoma oggi adibita a ristorante, ma il resto dell’impianto è lasciato a se stesso. Eppure anni fa l’Arena era un fiore all’occhiello per Viadana, in grado di attrarre parecchi visitatori anche da fuori: era adibita infatti a discoteca estiva all’aperto, nonché a sede di feste popolari, concerti, cineforum e attività per bambini. «Il bando regionale – nota il primo cittadino – è finalizzato alla realizzazione di interventi pubblici su aree e immobili di proprietà pubblica e di pubblico interesse. Finanziando tali interventi, la Regione punta ad avviare processi di rigenerazione urbana e a incentivare gli investimenti affinché facciano da volano alla ripresa economica e sociale».

Un’occasione che l’ente locale non intende lasciarsi sfuggire: «L’attività di rigenerazione urbana – commenta Cavatorta – risulta strategica: una priorità per ridurre il consumo di suolo, ma anche per migliorare la qualità funzionale, ambientale e paesaggistica del territorio e degli insediamenti, nonché le condizioni socioeconomiche della popolazione». Per quel che riguarda l’Arena Spettacoli, lo studio di fattibilità quantifica interventi per 67mila euro: messa a norma degli impianti elettrici interni (edificio direzionale) ed esterni (palco, tettoia, bar), sistemazione degli impianti igienico-sanitario e di riscaldamento-climatizzazione, tinteggiature. Per il parco Baden-Powell, si prevedono invece di spendere 122.500 euro per la messa a norme dell’impianto elettrico, il rifacimenti di vialetti e punti luce, la manutenzione straordinaria delle sculture e del verde, la posa di tavolini, panche e cestini. Altri 200mila euro serviranno per la fornitura di grandi giochi per esterni. —


 

Video del giorno

La Gazzetta in campo - La pallavolo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi