In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Vaccinazioni nelle scuole a Mantova: ancora disagi per i docenti

Somministrazione complicata per i prof mantovani che lavorano in Emilia. Ma per Aisam e sindacati «il sistema di prenotazione comincia a funzionare»

nc
1 minuto di lettura

MANTOVA. «Stiamo risolvendo i problemi di prenotazione del vaccino anti Covid rilevati in questi ultimi giorni e individuando la ragione per cui si sono verificati». Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, facendo riferimento ai disservizi che, anche nel Mantovano, hanno colpito soprattutto la campagna di vaccinazione per il personale scolastico iniziata lunedì. In particolare alcune decine di dipendenti delle scuola, tra insegnanti e personale non docente, non avevano ricevuto l’sms di conferma dell’appuntamento per la somministrazione. Una circostanza risolta invitando all’ultimo momento altri docenti che avevano già una prenotazione per il vaccino nei giorni seguenti.

«Ci risulta che la situazione ora sia normalizzata» spiega il presidente dell’associazione scuole mantovane, l’Aisam, Massimo Pantiglioni. Nel corso di alcuni scambi di informazioni tra i presidi delle scuole mantovane è emerso che un po’ ovunque il personale ha iniziato a sottoporsi alla vaccinazione grazie al sistema di prenotazione sul portale.

Non tutto è andato alla perfezione. Ci sono docenti che hanno scoperto la data dell’inoculazione solo dopo aver consultato il proprio profilo sul portale e senza aver ricevuto alcun sms.

Gli stessi sindacati di categoria, però, confermano che i problemi stanno rientrando. «Insegnanti e personale non docente, da quello che ci risulta, si stanno iscrivendo nella piattaforma per la vaccinazione» spiega Pasquale Andreozzi di Flc Cgil. Ma tanto i sindacati, quanto gli stessi insegnanti e presidi, segnalano che ancora ci sono disagi per parte del personale che ha la residenza in una regione ma insegna in un’altra. Un problema soprattutto per alcuni docenti mantovani che insegnano nelle scuole dell’Emilia, dove nel modulo per l’iscrizione alla vaccinazione occorre inserire il proprio medico di base (che ovviamente esercita nel Mantovano). Su questo tema c’è una richiesta congiunta del Pd lombardo e dell’Emilia Romagna «affinché – spiega la consigliera regionale mantovana Antonella Forattini – le due Regioni trovino una linea condivisa».

Intanto ieri sono arrivati alla Farmacia del Poma 4.680 dosi di vaccino Pfizer. La campagna di vaccinazione, dal 18 febbraio all’8 marzo, secondo il report di Ats Val Padana, conta 15.955 somministrazioni in Asst e 13.931 in altre strutture (Rsa e via dicendo). Il totale è di 29.886, di cui 2.900 a persone over 80. Ultima annotazione: attenzione ai tentativi di truffa. Da più parti viene segnalato l’arrivo di falsi sms sui telefonini per la vaccinazione degli over 80: invitano a contattare un numero verde. Ma è un messaggio trappola. «Se lo ricevete avvisate Asst e forze dell’ordine».


 

I commenti dei lettori