Mantova, decolla lo sportello bonus edilizi: si punta al 110% e a rifare le facciate

Il gruppo di lavoro creato in via Roma risponde a dubbi e quesiti: quindici richieste in tre settimane

MANTOVA. A meno di un mese dal via, lo sportello telematico bonus edilizi prende quota con richieste soprattutto per il superbonus 110% e bonus facciate. Il servizio, nato su proposta dell’assessore all’Urbanistica Andrea Murari per aiutare i cittadini e le aziende dei Comuni della grande Mantova ad orientarsi tra le varie opportunità (dal superbonus 110% all’ecobonus, dal sismabonus al bonus facciate),è stato lanciato il 16 febbraio scorso insieme al portale dedicato www.bonusedilizimantova.it . Secondo le prime stime almeno il 50% dei condomini di città è interessato ad accedere alle agevolazioni previste e ad oggi alla casella di posta dedicata (info@bonusedilizimantova.it) sono pervenute già 15 richieste di informazioni, la maggior parte proveniente da cittadini residenti in città e in parte a Porto Mantovano.

«Si tratta prevalentemente di richieste per la fruizione del superbonus 110% e del bonus facciate – spiegano da via Roma – Alcune sono richieste generiche di cittadini che chiedono informazioni sull’iter da seguire per usufruire degli incentivi attivi, in altri casi si tratta di quesiti tecnici che richiedono risposte più specifiche». Ad esempio se la propria abitazione rientra «in zona A o zona B» per poter beneficiare del bonus facciate o se c’è la possibilità di usufruire del superbonus per implementare l’impianto fotovoltaico con un sistema di accumulo. «Un cittadino residente in un condominio ci ha chiesto se può fare i lavori di riqualificazione energetica autonomamente ed accedere al bonus, considerato che gli altri condomini non vogliono aderire ai lavori». Altri quesiti riguardano la parte fiscale, la cessione del credito tramite banca, la possibilità di cessione del credito individuale, indipendentemente dalla decisione degli altri condomini, i documenti che bisogna produrre così come la possibilità di usufruire di qualche agevolazione da parte di soggetti incapienti di Irpef.


Il servizio telematico è gestito e coordinato da un ristretto gruppo di lavoro del Comune di Mantova che provvede a fornire le risposte alle varie richieste, grazie anche al supporto dei tecnici degli sportelli unici edilizi dei Comuni interessati e agli ordini professionali. «In particolare, in queste prime settimane – raccontano – è stato fondamentale al contributo dell’ordine degli ingegneri per la parte tecnica e al contributo dell’ordine dei commercialisti per la parte fiscale».

Come sottolineano da via Roma il servizio ha come scopo quello di fornire al cittadino un primo orientamento, poi «per un supporto più specifico che consenta al cittadino di ottimizzare gli interventi e di beneficiare al meglio delle misure di incentivazione esistenti, ci si dovrà poi rivolgere a professionisti di fiducia iscritti ad albi o agli ordini professionali».
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi