Un centro paese riqualificato: Goito spera nei bandi regionali

Si punta a sistemare l’area dei negozi sull’ex statale con fioriere e panchine. In piazza Sordello nuovo acciottolato e revisione degli spazi con una fontana

GOITO. Sistemare l’area davanti ai negozi che si affacciano sulla Goitese dove ci sono i semafori, ma anche la zona da piazza Sordello a via XXVI Aprile. Sono questi i prossimi progetti dell’amministrazione guidata da Pietro Chiaventi. Per vederli realizzati il Comune sta partecipando a due bandi della Regione i cui risultati arriveranno a giugno.

Il marciapiede davanti ai negozi, lungo circa 150 metri, sulla sinistra venendo da Mantova, «è ammalorato ma era di proprietà di privati, non del Comune – spiega il sindaco -. Dopo un utilizzo ultra ventennale, i proprietari hanno deciso di cedere la zona al Comune gratuitamente. Avere l’ok di tutti è un risultato storico». Per sistemare il marciapiede e abbellirlo con fioriere e panchine, il Comune ha partecipato al bando per la rigenerazione urbana. Su un totale di lavori di 145mila euro, da Milano si spera ne arrivino 100mila. Il Comune poi cofinanzia per 45mila euro.


Riqualificazione in vista anche per la zona da piazza Sordello a via XXVI Aprile che comprende anche piazzale Gramsci. «Qui partecipiamo al bando borghi storici – racconta Chiaventi -. Chiediamo un milione di euro. Dalle tasche del Comune arriveranno poi altri 100mila euro». Ci sarà la sistemazione del ciottolato, ma non solo. «In piazza Sordello - dice il sindaco - gli spazi saranno sistemati rispettando i platani esistenti e sarà sistemata anche l’edicola. Pensiamo poi di realizzare una fontana. È una zona in cui passa il vecchio canale storico, vogliamo quindi ricollegarci al tema dell’acqua. Tutto è ancora in una fase progettuale».

L’idea di base? «Creare un centro paese più ampio e accogliente – dice Chiaventi – L’iter per la tangenziale sta andando avanti. Quando sarà realizzata, la zona dove ci sono i semafori si trasformerà in un ambiente unico. Ci muoviamo per creare un ambiente decoroso. Sapremo se vinceremo i bandi tra 90 giorni, ma intanto proseguiremo per terminare i passaggi col Parco del Mincio e la Sovrintendenza». I bandi sono delle opportunità, «ma non è sempre detto che vadano bene – sottolinea Chiaventi -. Bisogna lavorare per essere pronti a tutte le evenienze. Il Covid frena tutto, ma la macchina amministrativa non si ferma».

Sempre in tema di interventi, Chiaventi sottolinea che entro l’estate partiranno i lavori nell’area Dogana Nuova. Oltre a questi progetti, il sindaco è pronto a puntare sull’efficientamento energetico. Con i 180mila euro del fondo statale si andrà a intervenire sulla struttura dell’impianto sportivo di Cerlongo (90mila euro). I lavori, che comprendono anche l’installazione di pannelli fotovoltaici, partiranno entro settembre. Coi rimanenti 90mila euro il Comune migliorerà la scuola dell’infanzia di Goito o di Marsiletti. La decisione sarà presa dopo aver ascoltato il parere dei tecnici. 
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

L'industriale dona due milioni al Comune e posa la prima pietra dell'asilo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi