Mantova, il consigliere comunale Rossi attacca l’Itis Fermi: «No al corso di Arcigay»

MANTOVA. Stefano Rossi, capogruppo di Mantova ideale, contesta la scelta della dirigenza scolastica dell’Itis di organizzare tre conferenze, destinate alle quarte classi, sull’educazione all’affettività e sessualità, nell’ambito dei corsi di educazione civica. Il primo incontro domani con tre relatrici dell’Arcigay di Mantova. «Due ore nella stanza Love is love per ragazzi e ragazze con relatrici di un’unica formazione, senza alcuna possibilità di una pluralità di informazione» sottolinea Rossi. Che punta il dito contro la dirigente Marianna Pavesi, ex assessore e ora consigliere comunale Pd: «Come può consentire lo svolgimento di queste conferenze?» si chiede. E aggiunge: «I kompagni ci provano sempre a cancellare i valori della famiglia tradizionale. La nostra famiglia, che ha il suo perno nella mamma e nel papà (non nei genitori 1 e 2). I nostri valori».

La guida allo shopping del Gruppo Gedi