Novantunenne originario di Quistello ucciso a coltellate a Torino 

Vincenzo Rossi non era sposato e viveva da solo. I vicini: "Faceva volontariato e portava in casa molti disagiati". Ci sarebbe un sospettato ripreso dalle telecamere. L'uomo abitava nel capoluogo piemontese dagli anni Sessanta

QUISTELLO. Ucciso nella sua abitazione, a Torino, colpito a coltellate. Almeno quattro i fendenti. È morto così Vincenzo Rossi, nato 91 anni fa a Quistello ma residente dagli anni Sessanta nel capoluogo piemontese al quinto piano di un condominio di via Tripoli. Ieri pomeriggio i carabinieri sono intervenuti su segnalazione dei vicini di casa. «Venite, sentiamo delle urla», la richiesta di intervento pervenuta al 112, che ha fatto scattare l'allarme.

La porta era chiusa, l'appartamento in ordine, ma quando i militari sono arrivati in cucina hanno trovato l'anziano ormai morto, un coltello da cucina conficcato nella nuca. Ci sarebbe un sospettato. Gli investigatori, al momento, non escludono nessuna ipotesi e stanno analizzando le telecamere di sorveglianza della zona. Le immagini riprenderebbero un uomo, il volto coperto dalla mascherina, allontanarsi in fretta dalla zona. Secondo alcune indiscrezioni, sarebbe entrato nella vicina tabaccheria per chiedere di cambiare una banconota sporca di sangue, ma il particolare non trova al momento conferme ufficiali.


L'unica pista che per ora sembra esclusa è quella della rapina, perché in casa sembra non mancare nulla. L’appartamento era in ordine.

«Era una persona seria e buona, sappiamo che aiutava i bisognosi», dicono i vicini di casa della vittima, che non era sposato e viveva da solo.

Della sua vita privata si sa poco. «Era molto riservato, qualche volta l'ho visto con una nipote, in altre mi sembra ci fosse un ragazzo ad aiutarlo con la spesa - sostiene la vicina - ma non so davvero nulla». Alcuni vicini raccontano che Rossi, che aveva lontani parenti nel Novarese, faceva una sorta di volontariato individuale, non legato quindi ad associazioni. «Portava a casa persone in difficoltà che avevano bisogno di un aiuto» spiegano. —
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi