Nuovo autovelox fisso a San Giorgio Bigarello

Sarà installato da giugno sulla Padana Inferiore a Gazzo. Il vicesindaco Chilesi: «Mezzi troppo veloci, un pericolo costante» 

SAN GIORGIO BIGARELLO. La giunta comunale di San Giorgio Bigarello ha dato il via libera alla installazione di un nuovo autovelox fisso.

Nella sua battaglia contro la velocità e i pericoli che ne derivano, il Comune ha deciso di incrementare gli strumenti di prevenzione, aggiungendo un apparecchio fisso sulla trafficata ex statale 10 Padana Inferiore, sulla direzione Nogara-Mantova, quindi lato destro all’ingresso della frazione di Gazzo. Per essere precisi dal km 298+080 al km 298+280.


L’apparecchiatura - non più l’obsoleto parallelepipedo arancione o grigio posto sul ciglio della strada, ma la più moderna asta sormontata dalla macchina fotografica - va così ad aggiungersi, nella strumentazione anti-velocità, al rosso-stop sulla Legnaghese a Mottella e all’altro autovelox fisso sulla provinciale 30, all’ingresso di Villanova De Bellis.

La postazione è già stata approvata da Provincia e Prefettura, come di prassi, e potrà essere in funzione forse già da giugno, come ci annuncia il vicesindaco Barbara Chilesi. Lo strumento sarà tarato ai 70 chilometri orari con un margine di tolleranza di 5 chilometri orari fino al limite di velocità dei 100, come prevede il codice della strada. «E’ un iter iniziato già da tempo. Nella frazione di Gazzo, sulla Padana Inferiore, passano moltissimi mezzi, soprattutto pesanti e a velocità folli. Abbiamo fatto delle prove con dei rilevatori della velocità e siamo rimasti sconvolti del pericolo che ne può conseguire. Così abbiamo avviato le pratiche per il velox fisso. L’avevamo chiesto anche per Stradella ma, a quanto pare, non c’è uno slargo per poter fermare le auto in caso di contestazione immediata dell’infrazione. Nello stesso iter, avevamo anche sollecitato, e l’abbiamo già ottenuto l’anno scorso, la riduzione della velocità da 90 a 70 chilometri orari tra Gazzo e Stradella, sul tratto rettilineo». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi