Al campo da basket di Castiglione presto le telecamere anti vandali

Nuovi episodi di vandalismo nello spazio sportivo inaugurato da pochi giorni. Dopo la recinzione rotta un lancio di terra e sassi

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Non ha pace il nuovo campo da basket che l’amministrazione guidata da Enrico Volpi ha terminato da circa dieci giorni in zona San Pietro. Dopo il taglio della rete di recinzione dei giorni scorsi, mercoledì c’è stato un nuovo episodio di vandalismo. Sul terreno di gioco sono stati lanciati sassi e della terra presa dall’esterno del campo. Attacchi precisi, difficile credere che siano solo azioni occasionali dato che, nell’arco di pochi giorni, si sono ripetute.

«Abbiamo sistemato quanto c’era da sistemare – spiega l’assessore alla sicurezza, nonché vicesindaco, Andrea Dara – e ora provvederemo a mettere delle telecamere». Un’azione di controllo necessaria se si considera che in questa zona ci sono varie strutture sportive, fra le quali anche il nuovo campo in sintetico che è stato inaugurato pochi mesi fa. Un ampliamento della cittadella dello sport che ha visto spostare il campo da basket dalla vecchia zona (dove ora è sorto il campo in sintetico) all’area nuova. Fatto che, oltre ad aver permesso di realizzare un campo nuovo, e con dimensioni diverse da quello vecchio, consente anche di allontanare il terreno di gioco dalle palazzine del quartiere via Nenni – Primo Maggio.


Nel recente passato gli abitanti di questa zona di Castiglione si erano lamentati degli schiamazzi che arrivavano quando c’erano persone nel campo a giocare. La nuova disposizione, dunque, con l’arrivo degli occhi elettronici dovrebbe servire anche a risolvere questo problema oltre a garantire la gestione coordinata da un custode che raccoglierà le prenotazioni e aprirà il campo da gioco in base alle esigenze. 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi