Contenuto riservato agli abbonati

Mantova, manutenzione stradale in 17 Comuni: a pagarla saranno le multe dell'autovelox

Quasi 800mila euro gli euro a disposizione per il rifacimento degli asfalti, segnaletica, attraversamenti pedonali e guard-rail

MANTOVA. Quasi 800mila euro. A tanto ammonta il gruzzolo che la Provincia ha ricevuto da diciassette Comuni e due unioni comunali, con cui è convenzionata, per convertirlo in lavori stradali. Si tratta della metà dei proventi realizzati dagli enti locali con gli autovelox disseminati sulle strade di proprietà della Provincia. Il Codice della strada dice che devono essere utilizzati per migliorare la sicurezza stradale nei territori con interventi di manutenzione straordinaria. I Comuni che mettono i rilevatori di velocità incassano la metà delle multe e l’altra metà la versano a Palazzo di Bagno, il quale provvede poi a impiegarli per i lavori. Cosa che anche quest’anno farà.

La Provincia ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica redatto dal suo Servizio di manutenzione strade che prevede interventi di consolidamento della sede stradale, il rifacimento di asfalto e segnaletica orizzontale e verticale, il taglio dell’erba lungo banchine e scarpate, la sostituzione dei guardrail e la riparazione di impianti di illuminazione. A disposizione ci sono 796mila euro. Il progetto prevede lavori per 615mila euro e l’impiego dell’eventuale ribasso d’asta per altri interventi, sempre sulle stesse strade.


Ovviamente l’ammontare dei lavori per ogni Comune è rapportato al gettito avuto dall’autovelox. I diciassette Comuni sono Asola, Curtatone, Casalromano, Suzzara, Villimpenta, Borgo Virgilio, Canneto, Rivarolo, Viadana, Casaloldo, Castel d’Ario, Pomponesco, Sermide Felonica, Pegognaga, Roncoferraro, Poggio Rusco e Guidizzolo; le unioni sono Torri e Castelli morenici.

A beneficiare dei lavori più corposi saranno i Comuni che hanno incassato di più dalle multe: per esempio Pegognaga, che ha versato alla Provincia 258.593 euro, Borgo Virgilio (40.083), Castel d’Ario (45.710), Viadana (31.601 euro), Canneto (35.980), Casalromano (29.998), Guidizzolo (60.344), Roncoferraro (35.562) e Unione Castelli morenici (202.849).

Il progetto è frutto delle intese intercorse tra i Comuni e la Provincia sui lavori ritenuti prioritari sul fronte della sicurezza stradale. Ecco che cosa verrà realizzato. Ad Asola saranno rifatti tratti della pavimentazione stradale della provinciale 1. A Curtatone è previsto il rifacimento di un tratto d’asfalto lungo la ex statale Sabbionetana, nell’abitato di Montanara. A Casalromano si interverrà sulla provinciale 4 rifacendo un tratto d’asfalto in prossimità dell’incrocio semaforizzato.

A Suzzara è prevista l’asfaltatura di un tratto della ex statale della Cisa. A Villimpenta, Rivarolo, Poggio Rusco e nei Comuni dell’Unione delle Torri (Gazoldo, Mariana e Redondesco) sarà sostituita e implementata la segnaletica stradale. A Borgo Virgilio è previsto un nuovo tratto d’asfalto sulla provinciale 54 a Boccadiganda. A Canneto è prevista la nuova pavimentazione sulla provinciale 4, nel tratto in prossimità dell’incrocio per Runate. A Viadana sarà rifatto l’asfalto in un tratto della provinciale 59. A Casaloldo nuovo asfalto su un tratto di provinciale 8. A Castel d’Ario si rifarà un chilometro di pavimentazione della provinciale 31. A Pomponesco in programma il rifacimento di un tratto d’asfalto lungo la provinciale 57.

A Sermide Felonica sarà asfaltato un tratto all’uscita dall’abitato di Caposotto. A Pegognaga sarà realizzato un attraversamento pedonale semaforizzato a Galvagnina, lungo la provinciale 35. A Roncoferraro in programma l’asfaltatura di un tratto a Cadè, lungo la provinciale 30. A Guidizzolo verrà rifatto un pezzo d’asfalto lungo la provinciale 15. Nell’Unione dei castelli morenici previsto l’adeguamento della segnaletica e delle bitumature nel centro abitato di Ponti sulle provinciali 19 e 77 e l’installazione del guardrail sulla 77.
 

Video del giorno

La rissa di sabato sera in un bar di piazza Broletto a Mantova e il fuggi fuggi generale

La guida allo shopping del Gruppo Gedi