In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Antenna Iliad anche a Bagnolo: sì del Comune all’installazione

L’operatore mobile francese ha siglato un contratto di locazione con il municipio. Penna: «Zona distante dalle case, un nostro rifiuto avrebbe dato spazio a privati»

1 minuto di lettura

BAGNOLO SAN VITO. Il Comune di Bagnolo ha siglato un accordo con Iliad che prevede l’installazione di un’antenna per la telefonia mobile. Una rete di “trasmissione dati e copertura segnale in una zona scoperta”, probabilmente in vista dell’arrivo della quinta generazione della telefonia mobile, il 5G, che Iliad così come tutti gli altri operatori, sta proponendo in varie zone d’Italia. Anche nel Mantovano sono già numerosi i tentativi di insediamento proposti dall’operatore francese, tentativi che in alcuni casi hanno trovato la resistenza dei residenti, come ad esempio a Governolo, oppure a Curtatone e Borgo Virgilio dove i due comuni hanno fatto ricorso all’approvazione di un piano antenne per avvalersi della facoltà di respingere la richiesta, altrimenti difficile da rigettare.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) L’Arpa dice no all’antenna. «Emissioni troppo alte a Mantova»]]

«Noi abbiamo accettato la proposta di Iliad - ci conferma l’assessore ai lavori pubblici Moreno Cavicchini - perché il terreno pubblico individuato è lontano dalle abitazioni, dietro il campo sportivo, ai confini praticamente con il territorio di Borgo Vigilio. E abbiamo accettato anche perché, in caso contrario, Iliad avrebbe chiesto il permesso al privato confinante. Quindi abbiamo detto sì, così almeno la gestione è sorvegliata dall’ente pubblico e abbiamo un introito, novemila euro l’anno per nove anni».

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) No all’impianto Iliad a Levata: «Prima serve il piano antenne»]]

L’approvazione del contratto è stata deliberata nel corso della giunta dell’8 aprile scorso. Il parere favorevole è stato concesso - come si legge nel verbale - «perché l’impianto di telefonia non ricade in zona urbanisticamente vincolata» e perché «la giurisprudenza amministrativa è concorde nell’affermare che gli impianti di telecomunicazione sono assimilati alle infrastrutture, e dunque la loro installazione deve ritenersi in generale consentita sull’intero territorio comunale in modo da poter realizzare un’uniforme copertura di tutta l’area comunale interessata».

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Motteggiana, battuto il comitato del no: l’antenna è stata installata]]

Il terreno comunale individuato si trova sul retro del campo sportivo di Bagnolo, via Virgiliana, la zona dietro la chiesa. Cinquanta metri quadrati, la porzione di terreno in locazione, che si affaccia sulla campagna. Il ripetitore, come è previsto da accordo, non dovrà superare i 36 metri di altezza. 

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Antenna a Governolo, è protesta: «I cittadini non sapevano nulla»]]

I commenti dei lettori