Contenuto riservato agli abbonati

Maxi depuratore del Garda: Asola e Medole sono contrari

Castiglione sta valutando tutta la documentazione ma il progetto preoccupa. Forti timori per il fiume Chiese dove dovrebbero finire le acque trattate

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Il nuovo maxi depuratore del lago di Garda, una grande opera che da anni anima il dibattito sulle due sponde gardesane e nell'entroterra morenico, sembra destinato ad arrivare al confine con il territorio mantovano.

L'area deputata alla costruzione di questo maxi-impianto è tutta su territorio bresciano, e cioè nella zona della frazione di Esenta di Lonato del Garda, ma vicinissima al territorio di Castiglione delle Stiviere.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, quinta votazione a Montecitorio

La guida allo shopping del Gruppo Gedi