Si è spento Aldo Savazzi: la Bocciofila dà l’addio allo storico ragioniere

Il “ragioniere del boccio”, come veniva chiamato dai soci e dagli amici della Bocciofila Suzzarese di via Aldo Moro. aveva 82 anni

SUZZARA. È morto Aldo Savazzi, il “ragioniere del boccio”: così veniva chiamato dai soci e dagli amici della Bocciofila Suzzarese di via Aldo Moro. Aveva 82 anni. I funerali si svolgeranno mercoledì mattina alle 9.30, partendo dalle camere mortuarie dell’ospedale “Montecchi” chiuse alle visite, per la chiesa Immacolata. Dopo la messa la salma verrà sepolta del cimitero di Suzzara.

Aldo, nella sua vita lavorativa, per oltre 5 anni è stato responsabile amministrativo alle Officine Carra situate sulla Cisa e successivamente ha prestato la sua opera di ragioniere qualificato fino alla pensione, nello studio Saccani di Villarotta di Luzzara nel Reggiano.


«Aveva sempre una parola per tutti – dice commosso il figlio Claudio – Era un appassionato lettore, soprattutto di quotidiani Già presidente negli anni’70 e’80 quando la bocciofila era in via Toti, è stato il promotore e l’artefice con tutti i volontari della costruzione del nuovo bocciodromo di via Aldo Moro, inaugurato nel 1985. Da allora ha sempre tenuto “i conti” della bocciofila. Come ragioniere è stato il responsabile di tutti i bilanci. Gli è sempre stata riconosciuta da tutti i soci la sua certosina meticolosità nella ricerca della “quadra”. Aldo Savazzi era la storia della bocciofila e nel tempo ha trasformato il gioco delle bocce a sport riconosciuto dal Coni. E con gli amici, dopo il lavoro, una partita a bocce era d’obbligo.

«Ciao Aldo, ciao “ragiunier” ci mancherai tanto – hanno detto il presidente Guido Bnà e il direttore sportivo Adelmo Gozzi a nome di tutti i soci della Bocciofila Suzzarese – Ora farai i conti lassù, dove incontrerai tanti amici suzzaresi, che con te hanno fatto la storia delle bocce della nostra città». Aldo Savazzi lascia nel dolore la moglie Mariavelma, i figli Claudio e Alida.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Morte di De Donno, il dolore del suo sindaco

La guida allo shopping del Gruppo Gedi