Contenuto riservato agli abbonati

Onda d’affetto per Tosoni: Mantova si commuove per l'addio al suo commercialista

In chiesa il saluto del figlio Luca: «Papà, grazie per l’uomo e il padre che sei stato. Chi sono, lo devo a te. Arrivederci»

MANTOVA. «Papà, grazie per l’uomo e il padre che sei stato. Chi sono, lo devo a te. Arrivederci». Con queste parole toccanti, salutate da un caloroso applauso, Luca Tosoni ha salutato per l’ultima volta il 24 april in San Barnaba il padre Gian Paolo, scomparso all’età di 69 anni dopo aver contratto il virus del Covid.

In tanti hanno raggiunto la chiesa di piazza Bazzani per il funerale, disponendosi all’interno a distanza di sicurezza. In molti, per evitare possibili assembramenti, hanno seguito la cerimonia dall’esterno, sull’ampio sagrato, dove hanno ascoltato le parole della funzione grazie agli altoparlanti. Un’ondata di affetto, già manifestata da tutta la città nei giorni scorsi, che ha raggiunto anche ieri la moglie Rita, il figlio Luca e la mamma Dina.



Il parroco don Riccardo Gobbi ha ricordato la vita di Tosoni, contraddistinta «dalla famiglia come punto fermo, dall’impegno nella vita pubblica, dalla franchezza nelle amicizie e dalla ricerca in profondità delle verità della fede». La cerimonia religiosa si è chiusa con i ricordi dei tanti che lo avevano conosciuto e ne avevano apprezzato le qualità umane. Commercialista, Tosoni era stato presidente di Tea, editorialista e docente del centro di formazione del Sole 24 Ore.

Un professionista, Gian Paolo Tosoni, noto a livello nazionale e tra i massimi esperti di fiscalità in agricoltura, tanto da collaborare con il ministero delle politiche agricole. Ed era stato anche sindaco di Roverbella, non facendo mancare dunque un suo impegno diretto nella vita politica ed istituzionale del suo paese.

In San Barnaba ha preso la parola anche il primo cittadino di Roverbella, Mattia Cortesi, che ha portato il saluto dell’intera comunità roverbellese. Al suo fianco, il gonfalone del paese listato a lutto. E poi tanti colleghi, amici, parenti, che hanno trattenuto a stento la commozione durante la lettura di messaggi che hanno portato i presenti ad applaudire commossi. All’uscita dalla chiesa della bara, sulla quale è stato posto un grande mazzo di fiori bianchi e rossi, tutti i presenti si sono stretti attorno alla moglie Rita per una parola di conforto. 

Video del giorno

Atletica, veloce come un'automobile: l'allenamento del campione europeo dei 60 metri

La guida allo shopping del Gruppo Gedi