Scontro tra auto e moto a Gonzaga: morto 49enne

Una mancata precedenza all'origine dell'incidente avvenuto poco prima delle 8 tra strada Ronchi e strada Pascoletto: la vittima è Antonio Monda

GONZAGA. Stamattina (26 aprile) intorno alle 8, nel tragico scontro tra una Renault Twingo e uno scooter Kymco Xciting 300, è morto un operaio metalmeccanico di 49 anni, Antonio Monda, originario di Marigliano (Napoli) e residente in via Quasimodo a Gonzaga, dove conviveva con la compagna Giulia Ruotolo. Alla base dell’incidente mortale, una mancata precedenza.

Il fatto si è verificato all’incrocio tra via Ronchi e la strada provinciale che collega Gonzaga a Reggiolo, sul tratto che prende il nome di strada Pascoletto, al confine tra il territorio mantovano e quello reggiano. Chiara la dinamica del scontro. La Renault Twingo condotta da T. O. 43 anni, del posto, stava per immettersi da via Ronchi sulla strada provinciale in direzione di Gonzaga proprio nel momento in cui dalla sua sinistra, stava sopraggiungendo in sella al suo scooter Antonio Monda, che stava andando al lavoro alla ditta Sarong di Reggiolo. La motocicletta ha sbattuto contro la fiancata lato conducente e l’uomo è stato sbalzato di sella finendo esanime sull’asfalto. Immediata la chiamata al 118 che ha fatto arrivare sul luogo dello scontro un’automedica da Correggio, un’ambulanza della Croce Rossa di Reggiolo e un’auto infermieristica da Suzzara. Era stato allertato anche l’elisococcorso da Parma, mai decollato per l’avvenuto decesso del 49enne nonostante i tenaci tentativi di rianimarlo. I rilievi di legge sono stati effettuati dai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Gonzaga.

Illesa la donna al volante della Renault Twingo, che però è stata assistita sia del personale sanitario che dagli stessi carabinieri per il grave stato di shock in cui versava tra pianto e disperazione per quanto era accaduto. I mezzi sono stati posti sotto sequestro.

I funerali non sono ancora stati fissati. La salma di Antonio Monda è stata recuperata dall’Agenzia Losi di Gonzaga e custodita nell’obitorio dell’ospedale “Montecchi” di Suzzara a disposizione del magistrato che sta seguendo il caso. La strada provinciale è rimasta interrotta per circa tre ore. Inevitabili i disagi alla circolazione. Il traffico è stato deviato su strade secondarie dagli agenti della polizia locale di Gonzaga.

Non è la prima volta che su questo incrocio accadono incidenti anche mortali. Il 7 aprile 2006 a causa della fitta nebbia ci fu uno scontro tra un’auto e una betoniera. A perdere la vita fu la 21enne Melissa Artioli, che abitava a Reggiolo nel Reggiano e che stava andando a lavorare come barista in una stazione di servizio di Pegognaga. In quel caso la ragazza si accorse troppo tardi del mezzo che stava uscendo dalla zona cave dell’ex Cooperativa Muratori, andandosi a schiantare contro la ruota posteriore sinistra della betoniera morendo sul colpo. Ancora oggi, sull’incrocio, a distanza di 15 anni, attaccato a un segnale, un mazzo di fiori artificiali ricorda quella tragedia.

Video del giorno

Lady Diana, all'asta la Ford Escort del 1981 che le regalò il principe Carlo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi