Governolo omaggia “Carburo” Sarà intitolata a lui l’area feste

Il grande portiere è scomparso nel 2020.  All’opera che gli si vuole intitolare manca ancora il secondo lotto

RONCOFERRARO(GOVERNOLO). La nuova area feste di Governolo porterà il nome di William Negri, detto Carburo, mitico portiere che, partito dalla Governolese, passando per il Mantova degli anni d’oro arrivò a difendere anche i pali della Nazionale. La decisione è stata presa dalla giunta comunale guidata da Sergio Rossi nelle scorse settimane, e l’auspicio del sindaco è che quanto prima si possa svolgere l’inaugurazione della nuova struttura e in modo contestuale avvenga anche l’intitolazione.

Quella di dedicare luoghi del territorio comunale a persone del posto che hanno portato il nome di Roncoferraro  nel mondo, o che semplicemente hanno fatto il proprio dovere diventando un modello per gli altri, è un progetto a lungo termine intrapreso dall’amministrazione Rossi.


Lo scorso settembre c’era stato il primo passo, con l’intitolazione della sala civica di Casale a Sabrina Bertolini, consigliera del comitato di paese morta di malattia qualche mese prima. La richiesta dell’intitolazione era partita dal consiglio direttivo del comitato di paese, perché Sabrina Bertolini si era distinta negli anni per il suo impegno e la sua dedizione verso la comunità. La domanda fu subito accolta dalla giunta.

La seconda tappa, ancora da compiersi pienamente, è l’intitolazione di una piazza di fianco alla chiesa di Roncoferraro al dottor Zeno Negrelli, morto nel 2018 a 93 anni, per una vita medico condotto di Roncoferraro, molto benvoluto dai suoi assistiti che arrivarono a essere quasi quattromila.

Va anche ricordato che, ben prima dell’inizio dell’amministrazione Rossi, nel lontano 2012, Roncoferraro iniziò già ad andare in questa direzione con l’intitolazione della biblioteca a Giorgio Zamboni, stimato pediatra per trent’anni in paese (ma ricoprì prestigiose cariche, a partire dalla presidenza dell’Accademia Nazionale Virgiliana).

Ma dunque, ecco il nuovo omaggio a un grandissimo del calcio, nato a Bagnolo San Vito nel 1935 e morto a Mantova il 26 giugno dell’anno scorso. Iniziò nella Governolese in Prima Categoria nei primi anni Cinquanta, poi il Mantova di Edmondo Fabbri, poi il Bologna (con il quale ha vinto lo scudetto 1963/1964), il Vicenza, il Genoa e per finire di nuovo Mantova. In Nazionale Negri vantò 12 presenze mentre tra serie A e B le gare giocate sono oltre duecento.

Quanto all’area feste, i tempi di realizzazione del secondo lotto delle strutture sono ancora incerti. L’obiettivo è di finire tutto per l’estate del prossimo anno. A occuparsi della sua realizzazione è il comitato fiere di Governolo, mentre il Comune fa da garante per il pagamento dell’opera. 

Video del giorno

Faccia a faccia tra il direttore Massimo Giannini e Carlo Petrini sul futuro del cibo e la sostenibilità

La guida allo shopping del Gruppo Gedi