La lettera del direttore generale dell'Asst Stradoni: «Un intralcio quella diretta al polo vaccinale»

Gentile Direttore,

il 28 aprile i suoi giornalisti e tecnici hanno effettuato una diretta Facebook dal nostro centro vaccinale La Favorita di Mantova, senza chiedere l’autorizzazione a questa Azienda.


Sono entrati nella struttura e hanno ripreso il personale e i pazienti che, nonostante le mascherine, risultano riconoscibili.

Le faccio presente che:

l’accesso ai luoghi di cura di nostra pertinenza (e l’Hub in questione lo è) per servizi giornalistici va autorizzato da Asst, tramite richiesta al nostro Ufficio Stampa. Non è una novità, ma una regola sempre valida, che diventa ancora più importante in un contesto pandemico; le immagini dei pazienti all’interno dei luoghi di cura di nostra pertinenza sono soggette alla concessione di liberatoria, a tutela della loro privacy; la pandemia, come noto, impone il rispetto di norme che garantiscano la salute di tutti e il ricorso alla massima prudenza; la presenza (non programmata, non prevista e non debitamente organizzata dal nostro Ufficio competente) di giornalisti che realizzano interviste può risultare d’intralcio al lavoro dei professionisti.

A maggior ragione in una situazione complessa come quella che coinvolge l’Hub, con un massiccio numero di presenze giornaliere e un’attività frenetica in corso. Una situazione del genere non deve più ripetersi: vanno concordati con questa Azienda tempi e modi per la realizzazione di servizi giornalistici nelle nostre strutture. Confido in un Suo sollecito riscontro e in un atteggiamento più rispettoso nei confronti dei nostri pazienti, del nostro personale e della stessa Azienda, nonché nell’osservanza di regole basilari per la gestione dei rapporti fra Asst e la stampa da parte della sua testata giornalistica.

Diversamente mi vedrò costretto a valutare di tutelare le ragioni dell’Azienda nelle sedi ritenute più opportune. La saluto cordialmente.

* Direttore generale Asst di Mantova

Video del giorno

Faccia a faccia tra il direttore Massimo Giannini e Carlo Petrini sul futuro del cibo e la sostenibilità

La guida allo shopping del Gruppo Gedi