Vaccinazioni, dal 10 maggio via anche alla fascia da 50 a 59 anni

L’annuncio di Fontana: prenotazioni da lunedì, anche se si dovrà rallentare un po’. I richiami di Pfizer e Moderna dopo 6 settimane. E al Poma riparte Cardiochirurgia

MANTOVA. Prima il 30 aprile, poi il 15 maggio e adesso la nuova data di partenza a metà strada tra le due: lunedì prossimo.

È arrivato il momento della vaccinazione anti Covid anche per gli under 60 senza patologie: il 10 maggio, ha annunciato ieri il governatore della Lombardia Attilio Fontana, si apriranno le prenotazioni per la vaccinazione dei cittadini appartenenti alla fascia di età 50-59 anni, circa un milione e mezzo di lombardi.


«La campagna vaccinale – ha sottolineato il presidente – procede spedita. Purtroppo a causa della carenza di vaccini abbiamo dovuto rallentare, infatti il generale Figliuolo ha abbassato il target per la nostra regione, che ora si attesta intorno alle 85mila inoculazioni al giorno. Voglio comunque sottolineare che la Lombardia è l'unica, insieme ad altre due regioni, ad avere mantenuto e superato i target».

RICHIAMO PFIZER E MODERNA ALLA SESTA SETTIMANA

Fontana ha poi commentato anche la circolare emessa ieri l’altrodal Ministero della Salute dopo la decisione del comitato tecnico scientifico ts di allungare i tempi del richiamo per coloro che hanno ricevuto la prima dose di Pfizer e Moderna. «A partire da oggi 7 maggio – ha aggiunto – gli appuntamenti per la seconda dose di Pfizer e Moderna saranno fissati nella sesta settimana (35-42 giorni) e non più a 21 o 28 giorni. Nulla cambia per coloro ai quali è già stata somministrata la prima dose e hanno già l'appuntamento per il richiamo. In questo modo potremo coinvolgere almeno con la prima dose un numero maggiore di persone».

Le modalità di prenotazione delle vaccinazioni sono sempre le stesse, vale a dire: - portale di Poste Italiane (prenotazionevaccinicovid.Regione.Lombardia.It); portalettere; sportelli Atm di Poste Italiane; numero verde 800 - 894545.

RIPRENDE LA CAMPAGNA DEI PROF

Ieri la vicepresidente e assessore regionale al Welfare, Leizia Moratti, ha precisato che dopo lo stop riprende la campagna vaccinale per il personale scolastico. «Chi non ha aderito – ha detto – lo potrà fare da inizio settimana prossima attraverso Poste Italiane. Quelli in attesa della seconda dose, riceveranno in questi giorni un Sms per l'appuntamento».

E RIAPRE CARDIOCHIRURGIA AL POMA

L’Asst tramite un comunicato ha reso noto che mercoledì scorso è ripartita, con il primo intervento, l’attività programmata della Cardiochirurgia del Poma. «Dopo la sospensione dovuta alla pandemia – si legge nella nota – si riparte con la disponibilità di 4 letti per la degenza chirurgica e altri 3 letti per la riabilitazione Cardiorespiratoria, tutti collocati nel reparto di Cardiochirurgia del Poma».

La programmazione iniziale prevede al momento l’esecuzione di due interventi cardiochirurgici a settimana che vanno a integrare le sedute dedicate ai cittadini mantovani alla Poliambulanza di Brescia eseguite dai professionisti di Asst, sulla base della convenzione già esistente. L’azienda ha comunque sempre garantito al Poma, anche nei periodi più intensi dell’epidemia, gli interventi cardiochirurgici in emergenza.

«La direzione medica e delle professioni sanitarie, in collaborazione con i direttori e coordinatori – termina il comunicato – sta completando la predisposizione di un piano di ampliamento dei posti letto e degli slot operatori programmati da assegnare ai reparti dei dipartimenti chirurgici, con tempistiche e modalità in fase avanzata di definizione e approntamento». 




 

Video del giorno

Autostrada A1 bloccata: l'incendio del camion è spaventoso

La guida allo shopping del Gruppo Gedi