Mantova, tornano a giugno i bus navetta. Il banco di prova: il mercato in centro

Il servizio riprenderà con quattro pulmini dalle sette alle 21. L'assessore alla viabilità Rebecchi: con le riaperture sempre più gente viene in città

MANTOVA. Un passo verso il ritorno alla normalità, o quasi. Da mercoledì 9 giugno tornano in servizio i bus navetta dell’Apam che collegano i parcheggi di piazzale Montelungo e Campo canoa al centro storico. Una data che l’amministrazione comunale non ha individuato a caso: il giorno dopo segnerà il ritorno del mercato del giovedì nel cuore della città.

«L’andamento dei contagi e la campagna vaccinale ci inducono a un ragionevole ottimismo – dice l’assessore alla viabilità, Iacopo Rebecchi – in ogni caso, dopo il passaggio in zona gialla, la città è più movimentata e non mancano i primi turisti. Per questo motivo abbiamo ritenuto opportuno riattivare il servizio delle navette, rispettando ovviamente i criteri di sicurezza anti Covid».


Il servizio era stato interrotto nel tardo autunno scorso, con il ritorno delle restrizioni legate alla seconda ondata della pandemia. E, per dirla tutta, lo scorso anno, le navette hanno circolato solo nei mesi estivi, quando l’emergenza sembrava finita.

«Avremo quattro o cinque navette dell’Apam che faranno il percorso solito zona Te - via Calvi - Campo canoa, andata e ritorno» spiega Rebecchi . È però cambiata la fermata del capolinea: non più in via Calvi ma spostata nella vicina via Scuola Grande.

I mezzi utilizzati da Apam hanno una capienza di trentotto posti. Questo significa che potranno portare la metà dei passeggeri per rispettare il limite del cinquanta per cento della capienza imposta dai protocolli anti contagio attualmente in vigore. «Sono un po’ più grandi per bilanciare le restrizioni sulla capienza – spiega l’assessore alla viabilità – si tratta di veicoli nuovi a metano. Dobbiamo ancora definire alcuni dettagli, ma gli orari del servizio saranno simili a quelli applicati l’estate scorsa e fino al febbraio del 2020. Dalle sette del mattino alle ventuno».

Il primo banco di prova sarà il 9 giugno, con il ritorno del mercato del giovedì nelle strade e nelle piazze del centro storico. Sarà per la verità un test più generale sul cammino del ritorno verso la normalità, verso situazioni di una quotidianità che la pandemia ha stravolto.

«Ovviamente dobbiamo essere attenti al quadro generale dei contagi – ricorda l’assessore – anche se ovviamente speriamo tutti di proseguire lungo la strada delle progressive aperture. Confidiamo nel ritorno progressivo verso la normalità e, quindi, di avere le navette con i numeri record di passeggeri registrati fino a pochi giorni prima del lockdown del marzo 2020. Vedremo anche la questione del coprifuoco come verrà gestita. Le Regioni chiedono che venga spostato alle ventitré, cosa che potrebbe avvenire presto». —


 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Perù, terremoto di magnitudo 7.5, nei video sui social il momento della scossa

La guida allo shopping del Gruppo Gedi