I controlli dei carabinieri: patenti false e ubriachi, quattro i denunciati

MANTOVA. Più di cento militari, tra uomini e donne, schierati ogni giorno su tutto il territorio provinciale. Così i carabinieri, che tracciano il bilancio della settimana appena trascorsa.

I militari della caserma di San Giorgio Bigarello hanno riaccompagnato in carcere un cinquantenne, condannato per estorsione, ammesso alla misura alternativa dell’affidamento ai servizi sociali, e sorpreso più volte a violare le prescrizioni imposte dal giudice. Morale, dovrà adesso finire di scontare la pena in prigione.


Quattro, invece, le persone denunciate per altrettante violazioni del codice della strada. Due sono stati fermati rispettivamente a Roverbella e Castelbelforte: il primo, classe ’82, residente a Castel Goffredo e recidivo, è stato sorpreso con un tasso di alcol nel sangue più che doppio rispetto al limite (0,50 grammi per litro); l’altro, della provincia di Verona, oltre a rifiutarsi di eseguire il test, ha minacciato e oltraggiato i carabinieri. Che gli hanno sequestrato l’auto per poi procedere alla confisca.

Il terzo denunciato, di nazionalità algerina, è stato sorpreso dai carabinieri di Borgo Virgilio con una falsa patente di guida spagnola: ora dovrà rispondere di uso di atto falso e ricettazione. E ancora, a Mantova, una pattuglia del Radiomobile ha denunciato un pregiudicato che girava con un taglierino nascosto nel poggiatesta.

Infine, guai anche per un ventenne fermato a Castel d’Ario con uno spinello: per lui è scattata la segnalazione alla prefettura. 

Video del giorno

Sgarbi e Al Bano cacciati a fischi dal palco dell'Arena di Verona: era la sera dell'omaggio a Franco Battiato

La guida allo shopping del Gruppo Gedi