In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Omaggio al fondatore della Croce Rossa, anche la torre di Solferino si colora

Il ricordo di Dunant e dei valori dell’associazione umanitaria. «Nel silenzio del memoriale anche speranza, oggi riposta nei vaccini»

Luca Cremonesi
1 minuto di lettura

SOLFERINO. L’8 maggio del 1828 nasceva Jean Henry Dunant, fondatore della Croce Rossa e Premio Nobel per la pace nel 1901. Nel giorno del suo compleanno in tutto il mondo si festeggia il lavoro di soccorso che svolgono quotidianamente milioni di volontari della grande associazione umanitaria. Anche nell’Alto Mantovano sabato si è provveduto a celebrare la giornata: molti Comuni che hanno esposto la bandiera della Croce Rossa.

Anche a Solferino c’è stato un momento di riflessione, organizzato dal comitato locale, con una cerimonia ristretta per via delle norme anti assembramento. L’inizio alle 19 al memoriale nel parco della rocca. Tutto si è concluso con l’illuminazione di rosso della torre di Solferino.



Anche lo scorso anno, sempre causa Covid, era stata prevista l’illuminazione notturna di rosso della torre.

«Qui al memoriale regna il silenzio – ha ricordato la presidente del comitato Leda Mazzocchi – un silenzio non vuoto e passivo. Si tratta di un senso profondo di rispetto per luoghi, persone, idee e valori. Allo stesso tempo qui vogliamo ricordare la speranza, anche quella rappresentata dai vaccini che servono per darci sollievo, senza dimenticarci delle persone care che sono scomparse».



Un momento di riflessione anche per tutto quello che ha fatto la Croce Rossa e che continua a fare nel mondo «con la sua instancabile capacità di donare e colmare gli infiniti bisogni “ovunque e per chiunque”, grazie ai volontari speciali che sanno soccorrere, condividere, soffrire o gioire per una guarigione o una rinascita in piena pandemia, restituendo così il senso completo alla vita e alle sue priorità».

Una volta terminata la riflessione, si è saliti alla torre che, nel mentre, si è illuminata di rosso, ricordando così il legame della Croce Rossa con Solferino e con il territorio dell’Alto Mantovano.



Anche Castel Goffredo ha voluto rendere omaggio, sabato sera, alla Croce Rossa illuminando di rosso il municipio grazie alla collaborazione con la ditta Sam Light di Fabio Allegretti che ha messo a disposizione l’attrezzatura per questa installazione che è durata per tutta la notte. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I commenti dei lettori