Vaccinazioni in Lombardia, la prenotazione per i 40enni slitta a giovedì. Dal 27 spazio ai 30enni

La Regione decide di non partire lunedì come indicato dal generale Figliuolo. In arrivo 22mila dosi

MANTOVA. Slittano di alcuni giorni le prenotazioni dei vaccini da parte dei 40enni, fissate inizialmente per lunedì 17 maggio, come annunciato dal commissario Figliuolo. Regione Lombardia ha deciso di farle partire giovedì 20 maggio: «Saremo pronti per quella data, come ci è stato detto» fanno sapere dall’Asst di Mantova. In verità il 13 maggio il governatore Attilio Fontana si era limitato ad auspicare un avvio in tempi brevi della campagna per i quarantenni, senza fissare date.

«Con le prenotazioni degli over 50 – aveva detto parlando a Pavia a margine della presentazione del Piano Lombardia – abbiamo riempito l'agenda delle vaccinazioni fino a metà giugno, ma speriamo presto di poter avviare la campagna vaccinale anche per i 40enni».


«La campagna vaccinale sta procedendo bene – ha proseguito – stiamo attuando rigorosamente le indicazioni del generale Figliuolo. Attualmente stiamo viaggiando a una media di 85mila vaccinazioni al giorno, ma potremo presto superare le 115mila, come è già successo nei giorni scorsi, e puntare alle 140mila. Tutto dipende dalla disponibilità di vaccini. In Lombardia abbiamo registrato pochissimi casi di rifiuto per l'AstraZeneca: io stesso l'ho fatto senza problemi».

Sul fronte delle prossime date di apertura per il vaccino anti-Covid, la Regione prevede di partire con le prenotazioni per la fascia 30-39 anni dal 27 maggio e, infine, dal 2 giugno, in coincidenza con la Festa della Repubblica, scatteranno le prenotazioni per le ultime due fasce d'età: 20-29 anni e 16-19 anni. 

Video del giorno

Lady Diana, all'asta la Ford Escort del 1981 che le regalò il principe Carlo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi