Fertilità nelle neoplasie Premiato il primario di Ginecologia di Pieve

Una borsa di studio di tremila euro per la ricerca sulla tutela della fertilità nelle neoplasie ginecologiche. È il dottor Luca Orazi, specialista in ginecologia e ostetricia e direttore facente funzione del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Destra Secchia di Pieve di Coriano, il destinatario della borsa di studio assegnata dalla sezione provinciale della Lilt-Lega Italiana per la lotta contro i tumori. L’assegnazione è stata deliberata dalla commissione a seguito di un concorso aperto a medici e ricercatori in ambito oncologico che si è chiuso lo scorso 5 ottobre. A causa delle complicazioni dovute all’emergenza Covid, però, la consegna è stata posticipata di alcuni mesi.

Il tema della ricerca su cui il dottor Orazi potrà continuare a lavorare, anche grazie al finanziamento ottenuto dalla Lilt, è "Ruolo della chirurgia a tutela della fertilità nelle neoplasie ginecologiche: outcomes ginecologici e riproduttivi”.


«Un lavoro interessante e originale» ha sottolineato dalla presidente Lilt Mantova, Maria Grazia Gandolfi. «Nel 2015 è nato un gruppo di lavoro che si sta dedicando all'oncologia ginecologica – ha spiegato Orazi – si tratta di tumori che, anche se con numeri bassi, possono colpire donne giovani. In passato intervenire poteva portare alla perdita della possibilità di avere figli. Oggi, invece, è possibile gestire queste patologie tutelando la fertilità. Guarire e pensare a una futura maternità rappresenta una doppia vittoria per le donne. E un aspetto importante anche dal punto di vista psicologico. Delle 14 donne che abbiamo seguito, alcune hanno già avuto figli. In un caso si è trattato di gemelli». —

Matteo Sbarbada

Video del giorno

Autostrada A1 bloccata: l'incendio del camion è spaventoso

La guida allo shopping del Gruppo Gedi