Contenuto riservato agli abbonati

Mantova, ecco gli esodati dei contributi: «Ora investiamo sul rilancio»

La battaglia del locale ‘Ma Dai’ che sorge dove c’era il McDonald’s: un doppio inciampo burocratico minaccia di escludere i titolari da qualsiasi sostegno.

MANTOVA. Per tenersi a galla hanno dovuto ricorrere a un finanziamento robusto, in aggiunta ai soldi già spesi per allestire e avviare il locale. Un mese appena di apertura, poi è arrivato il primo lockdown. Il cerino è rimasto nelle mani di Pierluigi Traversi e Pasquale Forte. La loro è una storia di resistenza e di un doppio inciampo burocratico, che minaccia di escluderli da qualsiasi sostegno. Il locale è il Ma Dai, inaugurato a febbraio del 2020 nello spazio lasciato vuoto da McDonald’s in piazza Broletto. Ristorante, pizzeria e brasserie dal tono decisamente altro rispetto a quello della catena di fast food. Tono in sintonia col carattere del palazzo cinquecentesco, di proprietà del Consorzio di Bonifica. Non un locale snob, ma disinvoltamente elegante.

«È nei momenti di crisi che bisogna investire» scandisce Traversi, lontano anni luce dall’immagine del ristoratore rabbioso, nonostante la sua condizione di esodato dei sostegni. Il locale è stato inaugurato nel 2020, ma il 2019 se n’è andato in carte bollate e lavori di ristrutturazione: morale, mettendo a confronto i due anni, non si realizza il calo di fatturato di almeno il 30% necessario a ottenere i contributi. Come se non bastasse, la società di Traversi e Forte è del 2018: l’avessero costituita l’anno dopo, avrebbero avuto accesso diretto ai sostegni, a prescindere dai fatturati. Invece. A rammendare la smagliatura normativa, un emendamento della deputata Claudia Porchietto (Forza Italia), anche su sollecitazione del livello regionale del partito (a guidare il dipartimento attività produttive è il mantovano Stefano Nuvolari). Emendamento ora in attesa di approvazione.

In ogni caso, Traversi e il suo socio ci credono nella voglia della gente di riaffacciarsi alla vita. Al punto da aver scommesso sul raddoppio del locale: trentacinque coperti nel cortile del palazzo e una nuova insegna. “The Garden”.

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, seconda votazione a Montecitorio: la diretta

La guida allo shopping del Gruppo Gedi