Contenuto riservato agli abbonati

Via libera al piano per allargare l’ospedale di Mantova

La Regione assegna ad Asst il compito di progettare gli investimenti per il blocco E del Poma: servono 40 milioni di euro

MANTOVA. La direzione Asst ha ricevuto il 21 maggio da Regione Lombardia il compito di predisporre un piano di investimenti per disegnare il volto futuro dell’ospedale Carlo Poma. Tra le proposte di maggiore impatto, certamente il cosiddetto blocco E, «per il quale – afferma in una nota l’Asst di Mantova – abbiamo avuto conferma di proseguire con le fasi di progettazione».

L’entità dell’investimento sarà nell’ordine di 40 milioni di euro. A corollario degli interventi principali all’Asst è stato concesso di «utilizzare fondi già disponibili per il completamento del blocco operatorio e della sala di cardiochirurgia attualmente al grezzo».

La nota dell’azienda si chiude con i ringraziamenti «agli uffici di Regione Lombardia e a tutti i nostri dipendenti impegnati nelle attività di progettazione».

Un’ottima notizia, questa, in un periodo di grande difficoltà per il Poma, messo a dura prova da una pandemia che solo da qualche giorno sta dando qualche segnale di regressione e, soprattutto, squassato dalla polemica innescata dai 90 operatori sanitari con la loro lettera sulla mancata programmazione del dopo-Covid.

La settimana scorsa il direttore generale Raffaello Stradoni era stato convocato a Milano, dal direttore generale del welfare Giovanni Pavesi per programmare la ripartenza dopo la pandemia, e il risultato si è visto adesso con l’ok alla progettazione del blocco E del Poma.

Si pensava che l’argomento del colloquio con il direttore generale fosse la lettera di critica vergata da medici e infermieri e, invece, come aveva riferito Stradoni subito dopo il termine dell’incontro, si era parlato di tutt’altro, di «programmazione della ripartenza dell’ospedale dopo la pandemia» aveva specificato il direttore dell’Asst.

Adesso la risposta della Regione con il via libera alla progettazione del blocco E che sarà destinato soprattutto ai servizi sanitari e all’espansione del pronto soccorso.

Video del giorno

Tokyo2020, Draghi a Jacobs: "Non volevo disturbarti durante intervista, è colpa di Malagò"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi