Contenuto riservato agli abbonati

Salumi, formaggi e funghi dalla Sicilia. Ma il camion è senza frigorifero: scattano il sequestro e la maxi multa

Gli alimenti erano destinati alla vendita al dettaglio, in mercati, ristoranti o piccoli negozi. Il camion fermato dalla polizia stradale subito dopo il casello di Mantova Nord dell’A22: era diretto a Verona

MANTOVA. Gli alimenti erano accatastati su scaffalature all’interno di un camion proveniente dalla Sicilia, all’altezza del casello di Mantova nord, contenente almeno una tonnellata di alimenti deperibili che avrebbero dovuto essere conservati in una cella frigo a una temperatura di quattro gradi. Non solo non erano al fresco in frigorifero ma si trovavano in un camion rivestito di metallo che aveva percorso già un migliaio di chilometri sotto il sole e raggiunto una temperatura di 35-40 gradi. Centoventi chili di formaggi, salumi e funghi mal conservati, quindi a rischio contaminazione, sono stati per questo sequestrati dalla polizia stradale del distaccamento di Ostiglia e distrutti dall’Ats Val Padana al termine di un’indagine lampo.

La scoperta è stata fatta la sera di martedì , quando gli uomini della polizia stradale, durante un controllo di routine, hanno fermato il mezzo pesante appena dopo il casello di Mantova nord, direzione Verona.

Il camionista, siciliano, non ha dato spiegazioni di dove stesse trasportando la merce, così come le bolle di accompagnamento non erano né chiare né complete. Gli alimenti erano destinati alla vendita al dettaglio, in mercati, ristoranti o piccoli negozi; improbabile nella grande distribuzione, soggetta a controlli più severi.

Di conseguenza gli agenti hanno aperto i portelloni ed esaminato la merce contenuta nel cassone. Buona parte del formaggio era sottovuoto e provvisto di etichetta di provenienza. Ma il problema era nella conservazione e nel mancato rispetto delle norme sulla catena del freddo, indispensabile soprattutto per viaggi lunghi come quelli che il camionista stava compiendo. Inoltre salumi, formaggi e cassette di funghi erano accatastati vicino a piante ornamentali invase da parassiti e moscerini.

La polizia ha fatto uscire subito il camion dall’autostrada e allertato i tecnici di Ats Val Padana, in particolare il Sian, il Servizio igiene degli alimenti. Dopo un attento esame da parte degli specialisti del Sian, la polizia ha sequestrato 120 chili di alimenti, che poi l’Ats ha provveduto ad avviare alla distruzione.

Nei confronti del camionista è stata anche elevata una sanzione di mille euro per la violazione delle norme in materia di conservazione degli alimenti.DM

Video del giorno

La tempesta di fulmini della notte di giovedì 22 luglio vista dal piazzale di Grazie

La guida allo shopping del Gruppo Gedi