«La nostra salute non è una merce»: per difendere la sanità pubblica oltre cento manifestanti in piazza a Mantova

Bersagli di scritte e slogan, la legge regionale 23 del 2015 (legge Maroni) e i brevetti sui vaccini. La legge 23 è colpevole tra l’altro – secondo il comitato – di avere spacchettato le vecchie Asl

MANTOVA. Il comitato Diritto alla salute di Mantova si è mobilitato ancora, ieri pomeriggio (29 maggio) in piazza Sordello, a difesa del servizio sanitario pubblico e per lo stop alla sanità privata, in Lombardia molto presente, «e nel Mantovano per circa la metà del settore». Molte le associazioni sociali e i partiti intervenuti, e molti gli oratori e relatori – davanti a un pubblico di un centinaio di persone con striscioni e cartelli. Uno per tutti: «La salute non è una merce». Bersagli di scritte e slogan, la legge regionale 23 del 2015 (legge Maroni) e i brevetti sui vaccini. La legge 23 è colpevole tra l’altro – secondo il comitato – di avere spacchettato le vecchie Asl, privilegiando gli ospedali e distruggendo la medicina di prossimità sul territorio con possibilità di cure domiciliari, con medici e altro personale sanitario dedicato. Poi i brevetti, «responsabili di consentire che il destino degli abitanti del pianeta sia nella mani dei consigli di amministrazione di poche e potenti case farmaceutiche multinazionali che, tuttavia, hanno potuto produrre i vaccini grazie soprattutto a fondi pubblici».

Così come i profitti privati dovrebbero diminuire, consentendo allo stesso tempo di salvare il maggior numero possibile di persone a livello planetario, allo stesso modo, in campo locale, la sanità pubblica ha dovuto sostenere l’intero peso della pandemia Covid, «mentre la sanità privata ha erogato, facendosi pagare, solo i servizi che riteneva di potere offrire».

Angelo Barbato, presidente del forum nazionale Diritto alla salute, ha sintetizzato la situazione, per il futuro: abolire la legge 23 e sostituirla con una nuova che faccia perno sulla «analisi del bisogno di salute dei cittadini e, attraverso questi, stabilire obiettivi di salute e non di budget». Oltre a che i Comuni possano intervenire sui piani socio-sanitari territoriali, esigenza di cui ha parlato anche il sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio. Il consigliere regionale Andrea Fiasconaro ha detto che martedì 1 giugno in Regione si comincerà a discutere la proposta di modifica della legge sulla sanità lombarda. Tra gli altri relatori, è intervenuto telefonicamente Vittorio Agnoletto, portavoce italiano dell’Ice (Iniziativa cittadini europei) per la raccolta di un milione di firme per obbligare la Commissione europea a sospendere i brevetti dei vaccini. Fausto Banzi, del comitato Diritto alla salute, ha tuonato infine contro l’esternalizzazione dei servizi sanitari e il regionalismo diffuso, «che aumenta le disuguaglianze anche in campo sanitario».

Video del giorno

La tempesta di fulmini della notte di giovedì 22 luglio vista dal piazzale di Grazie

La guida allo shopping del Gruppo Gedi