Contenuto riservato agli abbonati

Discarica di auto: i Comuni mantovani uniti nel dire “no”

Fronte unito dei confinanti contro l’impianto di car fluff «I danni ricadono su di noi, non ci possono escludere»

SORGA’ (VERONA). Un vero e proprio fronte comune contro l’impianto di car-fluff - che dovrebbe sorgere nel comune veronese di Sorgà - quello dei sindaci di Castel d’Ario, Castelbelforte, San Giorgio Bigarello, Roncoferraro e la Provincia di Mantova (gli ultimi due assenti giustificati).

In un incontro pubblico, all’aperto, sabato 29 maggio 2021, si sono tutti dichiarati fortemente contrari all’impianto. Presenti anche consiglieri regionali e i rappresentanti delle associazioni ambientaliste.

Per Fabrizio Avanzini, sindaco di Villimpenta «l’inquinamento delle falde acquifere, essendo noi posti a sud, interesserà anche il nostro territorio. Che ci preoccupa non è solo la discarica ma anche la sua gestione post mortem». Il sindaco del comune più direttamente interessato, sia per la vicinanza sia per il traffico che ne deriva, è Castel d’Ario. «Abbiamo presentato richieste di integrazione al progetto, come la Provincia di Mantova che ha fatto un ottimo lavoro» ha detto il sindaco Daniela Castro.

«Purtroppo non si è tenuto conto che essendo l’impianto a ridosso della Lombardia si doveva interpellare anche questa Regione dove abbiamo vincoli più stringenti delle deroghe del Veneto. Hanno previsto l’uscita a Mantova nord di 44 tir al giorno che, giunti a Castel d’Ario, dovrebbero transitare attraverso ben 5 quartieri con oltre 1.700 residenti».

Massimiliano Gazzani, sindaco di Castelbelforte, ha ricordato come sia la seconda volta in 20 anni che interviene per scongiurare insediamenti nocivi ai propri confini, ma in territorio veronese. «Non c’è solo l’inquinamento delle falde, ma anche atmosferico e ne sappiamo qualcosa con una fabbrica, sempre al confine ma in territorio di Sorgà, che da anni, ora molto meno, emette fumi fastidiosi che si dirigono sul nostro territorio».

Un intervento di più ampio respiro quello di Alberto Germiniasi, assessore di San Giorgio Bigarello. «La politica deve fare il suo mestiere. Si stanno scaricando sui cittadini a livello locale, problemi che invece dovrebbero essere affrontati in maniera definitiva a livello nazionale. Perché lo smaltimento di questi materiali investe tutta l’Italia».

Video del giorno

Tokyo2020, Draghi a Jacobs: "Non volevo disturbarti durante intervista, è colpa di Malagò"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi