Tuffi inaugurali a Cerese e Ostiglia, finalmente può iniziare l’estate mantovana

La piscina di Borgo Virgilio riapre con il nuovo gestore Mako, all’olimpionica di Ostiglia entra in funzione il nuovo scivolo

BORGO VIRGILIO-OSTIGLIA. Inaugurazione, con tanto di tuffo in vasca del primo cittadino Francesco Aporti, della stagione estiva della piscina di Cerese.

L’impianto di via Soresina ha riaperto i battenti dopo la chiusura totale del 2020. Lo scorso anno il centro natatorio era rimasto chiuso per l’emergenza Covid. A settembre era arrivata poi la rescissione consensuale del contratto con il vecchio gestore.

Nelle ultime settimane l’amministrazione comunale ha cercato una soluzione per scongiurare una nuova chiusura. Si è deciso per l’affidamento diretto della struttura a Mako Group srl.

L’apertura è arrivata nei tempi previsti, con i primi utenti che non hanno perso tempo e hanno sfruttato la mattinata di sole per cimentarsi nel primo tuffo di stagione.

Poco prima di mezzogiorno si è tenuta una cerimonia informale di inaugurazione. Presenti al taglio del nastro il sindaco Aporti, i gestori dell’impianto, assessori e consiglieri comunali. Il primo cittadino ha confermato la soddisfazione per l’avvenuta riapertura, in quanto la piscina rappresenta un luogo di svago e salute per molti residenti che, anche a causa del Covid e della crisi, non potranno programmare le vacanze estive.

Dopo il discorso istituzionale in abito elegante e fascia tricolore, Aporti ha indossato il costume e si è tuffato, dando di fatto il via alla stagione.

Gli ultimi interventi legati a piccole manutenzioni sono stati portati a termine nei giorni scorsi. Il contratto prevede l’affidamento della gestione a Mako Group Srl per l’anno in corso con possibilità di rinnovo per un altro anno. Mako Group srl gestisce da trent’anni la piscina di Viadana e gli impianti natatori di Bozzolo e Pegognaga. Il canone annuale che Mako Group Srl verserà al Comune è di 500 euro Iva esclusa.

Il biglietto intero (18-65 anni) è di 6 euro dal lunedì al venerdì e di 7 euro nel weekend. 50 centesimi in meno per il ridotto (dai 5 ai 17 e over 65). Prevista anche l’opzione con ingresso in pausa pranzo (dalle 12 alle 14) a 5 euro. A disposizione anche gli abbonamenti.

E sempre ieri ha riaperto l’impianto estivo della piscina olimpionica di Ostiglia. Un complesso sportivo che comprende anche due vasche per i bambini e una vasca interna. Quest’anno i giovanissini potranno usufruire del nuovo scivolo installato nei mesi invernali sostituito a causa del deterioramento di quello precedente.

L’impianto, gestito da Ostiglia Nuoto, con Stefano Rovesta e tanti collaboratori e bagnini professionisti, offre anche un servizio di lettini in un ampio spazio verde, un campo da beach volley, la possibilità di praticare nuoto libero in due corsie dedicate e tante novità con i corsi di total body, acqua strong, acquagym, cross fitness, circuito, hydro bike, stretching.

Fino a quando la Lombardia non sarà dichiarata zona bianca, però, non si potranno utilizzare la vasca interna (per il nuoto libero) e gli spogliatoi.

Il numero massimo di utenti, sempre fino al termine della zona arancio, è di 230. Dalla settimana prossima saranno forniti ulteriori dettagli.

Ieri mattina hanno portato i saluti allo staff il sindaco Valerio Primavori, l’assessore allo sport Martina Bacchiega, e il consigliere delegato allo sport, Silvano Giovanelli.

La piscina è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 19.

Un po’ alla volta stanno riaprendo tutte le piscine estive del Mantovano. Mercoledì toccherà anche a quella di Castelbelforte, che sarà aperta ogni giorno dalle 11 alle 20. Così ha annunciato la società di gestione. Nei giorni scorsi ne hanno riaperte molte altre: Bozzolo, Suzzara... Le prime a partire, non appena era stato concesso dal governo, vale a dire alla metà di maggio, erano state quella del centro sportivo Schiantarelli di Asola e quella del centro termale Airone di Goito. Un gran numero di impianti ha invece aspettato la fine di maggio, in particolare sabato 29. Tra questi “il Borgo” di Marmirolo, l’Oasi Boschetto di Curtatone, gli impianti natatori di Castel Goffredo, Castiglione delle Stiviere, Viadana, Pegognaga. La piscina di Bozzolo ha posticipato l’apertura dal 29 al 2 giugno, mentre si è ancora in attesa di informazioni per gli impianti di San Giorgio Bigarello, Roncoferraro e Porto, quest’ultima passata di gestione da Sport Management a Forus. La piscina di Poggio Rusco dovrebbe riaprire per la metà di giugno.

Video del giorno

Mantova: in 800 per dire addio al dottor De Donno

La guida allo shopping del Gruppo Gedi