Bozzolo, muore in casa: devono intervenire i vigili del fuoco

Deceduto da alcuni giorni, sono stati i vicini di casa a dare l’allarme dopo aver avvertito un forte odore nelle scale. L’uomo, 61 anni, viveva solo e soffriva di patologie croniche. Il sindaco Torchio: era seguito dai servizi, se non troveremo familiari ci occuperemo dei funerali

BOZZOLO. Morto in casa da alcuni giorni, lo hanno trovato i vigili del fuoco intervenuti dopo aver ricevuto una telefonata allarmata dei vicini di casa che avevano avvertito il cattivo odore proveniente dal suo appartamento.

Una storia triste quella di G.C., 61 anni, con diverse patologie croniche a carico da tempo e solo. Viveva in una casa comunale in via Belfiore a Bozzolo. I vicini di casa lo avevano visto l’ultima volta sabato scorso. Poi, ieri sera, hanno sentito un forte odore nelle scale. Proveniva dall’appartamento dell’uomo, che viveva di una modesta pensione e del sostegno dei servizi sociali del Comune. 

Non rispondeva al campanello. A quel punto sono stati chiesti i soccorsi: sono arrivati i vigili del fuoco, i mezzi del 118 e i carabinieri di Viadana. Quando i vigili del fuoco sono entrati nell’appartamento hanno trovato il corpo ormai privo di vita del pensionato.

Sul posto è arrivato anche il sindaco Giuseppe Torchio. I carabinieri sono rimasti nel condominio fino a tarda ora per interrogare i vicini. “Mi sembra di capire che verrà fatta l’autopsia _ riferisce Torchio, rimasto anche lui nel condominio popolare fino a notte fonda _ purtroppo questa persona viveva da sola. Era seguita dai nostri servizi e alcuni anni fa eravamo riusciti a dargli questo appartamento. In caso di necessità sarà il Comune a occuparsi del funerale”. L’uomo, infatti, potrebbe non avere più familiari in grado di disporre la cerimonia funebre. 

Video del giorno

Autostrada A1 bloccata: l'incendio del camion è spaventoso

La guida allo shopping del Gruppo Gedi