Meccanico abusivo stangato dalla Locale

Il titolare dell’officina da gommista non aveva i requisiti per gestire l’attività: sigilli allo stabile e attrezzi sequestrati

L’officina c’era, un meccanico pure, ma non aveva i requisiti per poter gestire tale attività Così la polizia locale di Mantova, dopo la scoperta, ha messo i sigilli allo stabile, a Borgochiesanuova, e multato il titolare.

L’indagine è stata condotta dall’Unità di Polizia Amministrativa della Polizia Locale ed è stata portata a termine martedì dagli uomini della nuova Unità specialistica coordinata dal vice commissario Paola Berzaghi. Gli agenti hanno scoperto che l’attività era condotta abusivamente, perché il titolare, un cittadino indiano di 46 anni, residente nell’hinterland, non aveva i requisiti necessari per condurla. È stato sequestrato tutto il materiale che si trovava all’interno dei locali: attrezzature specifiche da gommista, compressori, sollevatori idraulici, pezzi di ricambio e circa 400 pneumatici, per un valore di svariate migliaia di euro.

L’attività di officina meccanica si può svolgere solo in presenza di determinati requisiti professionali che il titolare, come si è scoperto durante le indagini, non possedeva. Aveva assunto per tre mesi una persona con i titoli necessari che, però, dopo poco si era licenziata. Di conseguenza sono venuti meno i requisiti per condurre l’attività. Ovviamente il titolare si è guardato bene dal comunicare alla Camera di Commercio di Mantova che non vi erano più le condizioni per esercitare l’attività di gommista.

Da qui il blitz degli uomini del Comando di viale Fiume. Al titolare è stata applicata anche una sanzione amministrativa di 5.165 euro. Il materiale sequestrato verrà confiscato.

Video del giorno

Atletica, veloce come un'automobile: l'allenamento del campione europeo dei 60 metri

La guida allo shopping del Gruppo Gedi