È arrivata l’estate e la città si rianima: tanti in piscina in strada e nei musei

I turisti hanno riempito di camper il parcheggio di Sparafucile. Affollati i tavolini dei bar, visitatori in coda al Ducale e al Te

Prima domenica, ieri, di vera estate con temperature che hanno superato i 30 gradi. E città piena di visitatori. Continua, dunque, il trend che vede Mantova risvegliarsi a mano a mano che si allentano le briglie imposte dalla pandemia. Oggi con la città che entra, con tutta la Lombardia, in zona bianca la strada dell’ottimismo e della fiducia è spianata.

Copyright 2021 Stefano Saccani, all rights reserved

Già ieri il centro storico ha mostrato il volto di prima della pandemia, accogliente e zeppo di gente a passeggio o seduta ai dehors di bar e ristoranti. Affollate le gelaterie per un cono o una coppetta rinfrescante. A fatica si è mantenuto il distanziamento sociale, così come nonostante il fastidio per il caldo si è sopportata la mascherina, per non dar modo al virus di diffondersi in un momento in cui sembra in ritirata.

Anche ieri i due principali monumenti cittadini, nonostante il tempo invitasse a scegliere il mare o il lago di Garda, o più semplicemente le piscine pubbliche, sono stati ancora i principali attrattori. Palazzo Ducale ha registrato 784 ingressi che si sono andati ad aggiungere ai 268 di venerdì e ai 734 di sabato scorsi. A Palazzo Te i visitatori, ieri, sono stati 611, lo stesso numero di sabato (venerdì 207 i biglietti staccati). Il Comune ha diffuso anche il dato dell’affluenza al Te da lunedì scorso a ieri: 1.989 visitatori.

Davanti agli ingressi delle due regge ieri sono ricomparse le code, soprattutto a Palazzo Te dove continuano le visite contingentate. Bene anche gli altri musei cittadini di Palazzo San Sebastiano e del Famedio, ieri meta rispettivamente di 145 e 140 visitatori: sabato erano stati 164 e 145 e venerdì 62 e 52. Tanti i turisti che arrivano da fuori provincia: lo dimostra l’area camper di Sparafucile, dove ieri si è registrato un buon afflusso, anche se minore rispetto al weekend precedente dal tempo incerto.

Copyright 2021 Stefano Saccani, all rights reserved

Ieri è stata anche la prima domenica di apertura per la piscina Dugoni, con il parco che si è animato fin dalla mattina. A fine giornata gli ingressi sono stati 450, «un risultato al di sopra delle aspettative» afferma la nuova gestione. Affollati anche gli impianti della San Lazzaro e della Canottieri. Ovunque, però, i bagnanti hanno dovuto rispettare i limiti imposti dalla norme anti-Covid e mantenere le distanze sia in acqua che sotto l’ombrellone.

Come ogni domenica di sole, le sponde dei laghi e i parchi hanno ospitato chi ha preferito dedicarsi allo sport e alle passeggiate all’aria aperta e le famiglie, desiderose di spazio per far sfogare i figli prima del pranzo sul prato. Sa.Mor.

Video del giorno

Il coming out di Lucilla Boari, bronzo nel tiro con l'arco: "Sanne è la mia ragazza". E si commuove

La guida allo shopping del Gruppo Gedi