Storia della gavetta lasciata dal soldato e della riconsegna dopo un secolo

Il castiglionese Chiarini aiuta a ricostruire la vicenda storica sull’asse Trentino-Calabri

Giovanni Chiarini, il castiglionese esperto nelle ricerche delle sepolture dei Caduti della Grande Guerra (di recente ha ricevuto a Udine un attestato di benemerenza), è stato protagonista di una storia singolare. Bruno Michelon, residente in Trentino a Lavis, ha chiesto il suo aiuto per una singolare ricerca.

La storia nasce quando, durante la guerra, dice Michelon, «una sera si presentarono nella casa dei nonni tre soldati che chiesero ospitalità per la passare la notte. Gli fu dato del cibo e un giaciglio nel fieno della stalla per riposare. L’indomani mattina, quando la nonna scese in stalla per la mungitura, dei soldati nessuna traccia, solo una gavetta lasciata lì, forse scordata». La gavetta «finì in cantina, dimenticata, finché è riemersa dall’oblio dopo tanti anni, accese la curiosità di zio Emilio, custode della stessa, che volle capirne un po’ la storia, con l’obiettivo di poterla restituire al proprietario o ai suoi familiari». Sul fondo della gavetta era inciso il nome del caporal maggiore Vincenzo Pistocchi, classe 1916, mat. 45501 distretto di Cosenza, fante del XXXVI B. M. D. (Battaglione Mortai Divisionale) Divisione Forlì.

Dopo una lunga ricerca, Michelon trova i dati dei soldati in questione, ne ricostruisce la storia e arriva a ridare ai parenti la gavetta: «Poi sono stato contattato dalle nipoti del soldato, le quali commosse mi hanno profondamente ringraziato, dal sindaco del Comune di Cerchiara che ha promesso che verrà realizzato all’interno del cimitero un cippo con bacheca contenente la gavetta. C’è stata videoconferenza con le classi del liceo di Trebisacce.... Emozionante».

Michelon si è rivolto a Chiarini per poter raccogliere altro materiale relativo alla storia di questa gavetta e delle persone coinvolte. Il lavoro, dunque, prosegue.

Video del giorno

Il coming out di Lucilla Boari, bronzo nel tiro con l'arco: "Sanne è la mia ragazza". E si commuove

La guida allo shopping del Gruppo Gedi