Stage di matematica, Beniamino brilla tra alunni da tutta Italia

Lo studente del Galilei di Ostiglia all’università di Ferrara. Il suo è stato il miglior risultato tra ottanta partecipanti

MAGNACAVALLO. Un ragazzo di Magnacavallo, Beniamino Ragazzi, è risultato il migliore tra gli studenti che hanno partecipato, arrivando da tutta l’Italia, allo stage di matematica organizzato dall’Università di Ferrara.

Beniamino ha 17 anni e frequenta il quarto anno al liceo scientifico Galileo Galilei di Ostiglia. La sua classe è la quarta A. Il ragazzo è particolarmente portato per le materie scientifiche, gli piacciono molto e si è distinto in questa esperienza.

«Non si trattava di una competizione – ci tiene a precisare – ma di un corso in cui veniva approfondita la matematica, con una serie di lezioni e un momento di verifica successivo. Alla fine di ogni sessione di lezioni c’era una fase di controllo di quanto avevamo appreso. Alla fine ai tre che hanno raggiunto i risultati migliori sono stati consegnati dei buoni da spendere nelle librerie Feltrinelli».

E Beniamino ha ottenuto il risultato migliore in assoluto, tra i suoi 80 compagni di avventura arrivati dalle varie regioni dello Stivale.

«Il nostro Beniamino Ragazzi è stato decretato vincitore assoluto in quanto ha completato il test senza commettere errori – hanno specificato dal Galilei di Ostiglia – questo risultato ci rende orgogliosi del lavoro che stiamo portando avanti».

La partecipazione allo stage promosso dal dipartimento di matematica dell’Università di Ferrara era stata proposta agli studenti del Galilei dalla loro insegnante di matematica e fisica, Serena Barbi.

Oltre a Beniamino hanno partecipato anche altri studenti del liceo ostigliese, dalle classi quarta A e dalla quarta T. Il super corso di potenziamento si è svolto nel corso della scorsa settimana, da lunedì a venerdì.

Le sessioni prevedevano approfondimenti degli argomenti ordinari previsti dal programma di matematica.

Beniamino non ha esitato e ha colto subito l’occasione che gli si è presentata: «Ho deciso di partecipare perché mi piace la matematica, quindi diciamo perché ero interessato alla materia. Mi piacciono molto le materie scientifiche, sto cercando di approfondirle il più possibile. Anche perché il prossimo anno dovrò scegliere quale facoltà universitaria frequentare e voglio capire se queste materie possono essere il mio futuro».

Video del giorno

Mantova Pride festival, il primo spettacolo della tre giorni

La guida allo shopping del Gruppo Gedi